Cerca

«Omicidio Basile», assolto anziano agricoltore: pm aveva chiesto l'ergastolo

LECCE – I giudici della Corte d’Assise di Lecce hanno assolto Vittorio Luigi Colitti dall’accusa di aver ucciso il consigliere comunale di Ugento dell’Idv Giuseppe Basile (nella foto), assassinato con 24 coltellate la notte tra il 14 e il 15 giugno del 2008 davanti alla sua abitazione ad Ugento. La Corte ha assolto l’agricoltore per 'non aver commesso il fatto'. Il pm Massimiliano Carducci aveva chiesto la condanna all’ergastolo
«Omicidio Basile», assolto anziano agricoltore: pm aveva chiesto l'ergastolo
LECCE – I giudici della Corte d’Assise di Lecce hanno assolto Vittorio Luigi Colitti dall’accusa di aver ucciso il consigliere comunale di Ugento dell’Idv Giuseppe Basile, assassinato con 24 coltellate la notte tra il 14 e il 15 giugno del 2008 davanti alla sua abitazione ad Ugento. La Corte (presidente Roberto Tanisi) ha assolto l’agricoltore per 'non aver commesso il fatto'. Il pm Massimiliano Carducci aveva chiesto la condanna all’ergastolo contestando le aggravanti dell’efferatezza e dei futili motivi.

La Corte d’Assise ha accolto la tesi difensiva volta a dimostrare l’inattendibilità del movente ipotizzato dall’accusa, un omicidio d’impeto nato da screzi di vicinato e commesso con numerose coltellate. Nell’inchiesta sull'omicidio del politico salentino venne coinvolto il nipote di Colitti, anche lui di nome Vittorio Luigi, all’epoca dei fatti minorenne. Il giovane venne assolto in primo grado nel dicembre 2010 e in via definitiva nel maggio 2012 dai giudici del Tribunale per i minorenni di Lecce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400