Cerca

Conversazioni a Cavallino su arti e lettere

LECCE - Libri, conferenze e un convegno nazionale per discutere su storici volti della cultura salentina, e non solo. Il Centro studi «Sigismondo Castromediano e Gino Rizzo», presieduto dal professore Antonio Lucio Giannone, organizza un ciclo di incontri culturali che dal 6 marzo e sino a maggio proporrà una serie di iniziative cui prenderanno parte studiosi e docenti universitari
Conversazioni a Cavallino su arti e lettere
LECCE - Libri, conferenze e un convegno nazionale per discutere su storici volti della cultura salentina, e non solo. Il Centro studi «Sigismondo Castromediano e Gino Rizzo», presieduto dal professore Antonio Lucio Giannone, organizza un ciclo di incontri culturali che dal 6 marzo e sino a maggio proporrà una serie di iniziative cui prenderanno parte studiosi e docenti universitari.

Alcuni degli appuntamenti sono dedicati a figure significative della cultura salentina, dal poeta dialettale del Novecento Francesco Morelli di Squinzano al pittore gallipolino Gian Domenico Catalano, vissuto tra Cinquecento e Seicento, al cardinale Giovanni Panico di Tricase, che svolse u n’importante attività diplomatica. Appuntamento di spicco il convegno di studi «La “galleria” di palazzo nel regno di Napoli in età barocca», a cura di Vincenzo Cazzato, Marcello Fagiolo, Massimiliano Rossi, firmato dal Comune in collaborazione con l’Univer - sità del Salento-Dipartimento di Beni culturali e Centro studi, in programma il 13 e 14 marzo. Attraverso una serie di interventi interdisciplinari il convegno intende mettere in luce il tema della «galleria» quale peculiare tipologia caratterizzante la storia della grande decorazione e del collezionismo nella prima età moderna.

Come detto, si parte il 6 marzo: alle 18 nella sala consiliare «Mario Gorgoni» protagonista sarà il volume «Aedo delle Muse. Francesco Morelli, fra Otto e Novecento» scritto da Emilio Filieri e edito da Maffei. Dialogheranno con l’autore Antonio Lucio Giannone e Fabio D’Astore, docenti dell’Università del Salento. Intermezzo musicale con l’arpa celtica a cura di Sabrina Liù Luciani con musiche di Reniè, Rousseau, Andrès, Einaudi, Pescini.

Ancora una presentazione (stesso luogo e medesima ora) questa volta di «Oltre il segno. Donne e scritture nel Salento (secc. XV-XX)», a cura di Rosanna Basso, pubblicato da Lupo. Interverrà Mariacarla De Giorgi Bütner, docente di Storia della musica dell’Università del Salento. Il dialogo culturale sarà con Marisa Forcina dell’Ateneo leccese. Le presentazioni di libri proseguiranno l’8 maggio (ore 19, sempre nella sala consiliare) con il testo «Fortiter in re, suaviter in modo. Monsignor Giovanni Panico, il diplomatico salentino al servizio della Santa Sede negli anni di Pio XI» di Salvatore Coppola, introdotto da Giuseppe Orlando D’Urso, coordinatore culturale della Società di Storia Patria per la Puglia-Sezione del Basso Salento Maglie.

Il 23 maggio (ore 19) sarà la volta degli «Scritti giovanili di Sigismondo Castromediano (Archivio Castromediano di Lymburg)» di Fabio D’Astore, edito da Congedo.
L’11 aprile (ore 19), nelle sale dell’ex Campo Bisanti a Castromediano, la conferenza sul tema «I protagonisti dell’arte di Terra d’Otranto tra ‘500 e ‘600. Gian Domenico Catalano», a cura del professore Lucio Galante, storico dell’Arte. Sono previste anche una mostra di pittura e scultura di Nello Sisinni (23 maggio-15 giugno, galleria del palazzo ducale) e una serata dedicata al poeta dialettale Gaetano Romano nel prossimo autunno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400