Cerca

Lecce, imprenditore capo clan delle «slot» 27 arresti e sequestri

LECCE - I militari della Guardia di Finanza del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce hanno eseguito 27 ordinanze di custodia cautelare e il sequestro di beni per un valore complessivo di oltre 12 milioni di euro, nei confronti di gruppi criminali che avrebbero imposto il «monopolio illegale» delle slot machine. A capo di questa presunta cupola l'imprenditore De Lorenzis (marito della showgirl Carolina Marconi) affiancato dai suoi fratelli
Lecce, imprenditore capo clan delle «slot» 27 arresti e sequestri
LECCE - C'è anche Salvatore De Lorenzis, il noto imprenditore di Racale, ex marito della showgirl Carolina Marconi, tra le persone arrestate nell'ambito dell'operazione, denominata Clean Game, compiuta dai militari della Guardia di Finanza che all'alba hanno arrestato 27 persone e sequestrato beni per 12 milioni di euro, ponendo fine all'attività di una organizzazione che monopolizzava con metodi mafiosi, il settore degli apparecchi da gioco.

Secondo quanto contestato dalla Procura, il gruppo, facente capo alla famiglia De Lorenzis aveva creato una vera e propria organizzazione autonoma rispetto alla Sacra Corona Unita, con la quale venivano però mantenuti i rapporti.

Secondo quanto accertato l'imprenditore Salvatore De Lorenzis insieme a tre dei fratelli arrestati, Pietro, Pasquale Gennaro e Saverio, tutti accusati di 416 bis con l'aggravante di essere i promotori e gli organizzatori del gruppo, avrebbe posizionato nella provincia provincia di Lecce un vero e proprio «cartello», imponendo anche con la violenza, agli esercenti della zona del Sud Salento, il noleggio di dispositivi illeciti delle aziende del gruppo, videogames modificati, impedendo al contempo alle aziende concorrenti di accedere al mercato.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400