Cerca

Lecce, donna cade in centro chiede 100mila euro di danni

di EMANUELA TOMMASI
LECCE - Marciapiedi e asfalto sconnessi fanno danni e qualcuno arriva a chiedere danni per centomila euro. Fanno sempre notizia - per quanto non inedite - le richieste di risarcimento delle vittime di buche ed altre insidie stradali. Ad ogni riunione di Giunta, arrivano decine e decine di delibere con le domande di ristoro di automobilisti e pedoni che incappano nelle «trappole» lungo le strade cittadine
Lecce, donna cade in centro chiede 100mila euro di danni
di Emanuela Tommasi

LECCE - Marciapiedi e asfalto sconnessi fanno danni e qualcuno arriva a chiedere danni per centomila euro. Fanno sempre notizia - per quanto non inedite - le richieste di risarcimento delle vittime di buche ed altre insidie stradali. Ad ogni riunione di Giunta, arrivano decine e decine di delibere con le domande di ristoro di automobilisti e pedoni che incappano nelle «trappole» lungo le strade cittadine.

Ma qualcuna balza agli occhi, più di altre, anche se, poi, comunque la somma delle richieste è da capogiro.

L’Esecutivo si oppone alle richieste, anche in giudizio, ma sovente le ragioni dei cittadini vengono accolte. E il Municipio è costretto a sanare il danno.

Giusto per riferire le richieste più pesanti, è il caso di A.B., il quale, con atto di citazione in Tribunale, chiede il risarcimento per i danni derivanti da un incidente accaduto quando, camminando sul marciapiede di viale XXV Luglio, all’altezza dell’intersezione con via Mocenigo, scendendo incappava in una sconnessione occulta del basolato, cadendo rovinosamente per terra e riportando danni fisici quantificabili in poco meno di centomila euro, esattamente 98mila 759 e qualche centesimo.

Non da poco neppure la richiesta di S.G. la quale, mentre percorreva il viale dell’Università in compagnia dei familiari, all’altezza di Porta Rudiae, mentre si accingeva ad attraversare il piazzale, inciampava in un archetto posto a delimitazione dell’aiuola dello spartitraffico centrale, che presentava un filo di ferro, procurandosi una grossa ferita alla gamba sinistra. Risarcimento richiesto: 25mila 225 euro e qualche spicciolo.

Richiama l’attenzione pure la richiesta di A.B., la quale, camminando sul marciapiede del viale della libertà, cadeva rovinosamente a causa dello sgretolamento delle mattonelle, invisibile a causa delle foglie e dei rifiuti che le ricoprivano. Le conseguenze della caduta ammontano a sedicimila 459 euro e pochi centesimi.

Importo minore ma non sono bruscolini neanche quelli che chiede F.B. per un incidente dalle modalità singolari. Mentre scendeva dall’auto, nel chiudere lo sportello, faceva un passo indietro e cadeva per terra a causa del manto stradale dissestato per la presenza di una grossa buca, per danni di novemila 175 euro.

Questi episodi solo per riferire le richieste da cinque a tre zeri. Alla prossima riunione di Giunta, c’è da scommettere, arriveranno altrettante richieste e fors’anche di più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400