Cerca

Ippoliti sindaco a Porto Cesareo? È già mobilitazione

di BIAGIO VALERIO
PORTO CESAREO (LECCE) - L’ipotesi Gianni Ippoliti candidato a sindaco per Porto Cesareo non è più tale. Ieri, impegnatissimo in televisione con Uno mattina in famiglia e L’Arena, il popolare showman non ha risposto al telefono ma ha affidato ad alcuni “fedelissimi” il lancio della propria, possibile e imminente campagna elettorale
Ippoliti sindaco a Porto Cesareo? È già mobilitazione
di BIAGIO VALERIO

PORTO CESAREO (LECCE) - L’ipotesi Gianni Ippoliti candidato a sindaco per Porto Cesareo non è più tale. Ieri, impegnatissimo in televisione con Uno mattina in famiglia e L’Arena, il popolare showman non ha risposto al telefono ma ha affidato ad alcuni “fedelissimi” il lancio della propria, possibile e imminente campagna elettorale: «che cosa dovrei fare per Porto Cesareo se verrò eletto sindaco e che cosa mi lasceranno fare?». Due domande che sono solo un ammiccamento, certo, che sembrano fatte per prendere tempo. Ma che rivelano anche l’intenzione di costituire la sintesi di un programma elettorale che viene dal basso. E’ la gente, la popolazione, a dover evidenziare una serie di emergenze sulle quali il futuro candidato sindaco dovrà intervenire.

Sempre Ippoliti affida ai suoi amici più cari altri frammenti di pensiero: lui ha pulito, con una azione dimostrativa, l’Isola dei conigli. Lui è intervenuto per lo scempio di Torre Lapillo, perché la pulizia è un suo chiodo fisso. Pulizia fa il paio col decoro e il decoro è quello che piace ai turisti. Da questo, semplice e immediato fil rouge si dipanerebbe la politica di valorizzazione della località. Poi non potrà fare a meno di una attività di recupero di migliaia e migliaia di euro perduti dalla collettività per omissioni e distrazioni nel recupero dei crediti.

Altra azione necessaria per far quadrare i conti ma anche per ripristinare una sorta di “pace sociale” tra i cittadini. Per il resto è molto probabile che l’istrionico opinionista, libero da impegni televisivi, voglia fare un salto in zona per verificare di persona quanti vorranno dare una mano alla causa. Ieri, in città, dopo la notizia data dalla Gazzetta, gruppi di cesarini si sono attivati con una sola parola d’ordine: dare una giunta composta da collaboratori validi al “sindaco” Ippoliti. Con chi potrebbe allearsi? Difficile dirlo oggi ma è probabile che la candidatura dell’artista non sia compatibile, ad esempio, con la gestione di Vito Foscarini e men che meno con quella di Salvatore Albano, di cui si vocifera la probabile ricandidatura. Ma anche con i grillini (capitanati da Francesco Schito) potrebbe non esserci dialogo perché in passato i 5Stelle non sono stati teneri con Ippoliti.

Per ora, dunque, i social network restituiscono i commenti in positivo di Barbara Vetrugno (che non voleva andare più a votare ma per Ippoliti farebbe uno strappo) e dell’ex revisore dei conti del Comune Stefano De Maglio. Ma c’è anche chi dice che si è scatenato un “polverone” alimentato dal sentimento, ormai diffuso, dell’antipolitica. Insomma, the show must go on.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400