Cerca

Ritrovato il diportista disperso al largo «Ho mantenuto la calma»

CASTRO – E' stato rintracciato a circa 22 miglia al largo di Leuca Rocco Ciullo, l’imprenditore 59enne di Castro disperso in mare dopo essere uscito in barca giovedì scorso per una battuta di pesca. Ad individuare il naufrago sulla sua barca di quattro metri alla deriva, un mercantile battente bandiera italiana. Sul posto sono giunte motovedette della Guardia costiera. L’uomo sarebbe in buone condizioni di salute
LA CRONACA DI IERI
Ritrovato il diportista disperso al largo «Ho mantenuto la calma»
CASTRO (LECCE)  – E' stato rintracciato a circa 22 miglia al largo di Leuca, Rocco Ciullo, l’imprenditore 59enne di Castro disperso in mare dopo essere uscito in barca giovedì scorso per una battuta di pesca. Ad individuare il naufrago sulla sua barca di quattro metri alla deriva, un mercantile battente bandiera italiana. Sul posto sono giunte motovedette della Guardia costiera. L’uomo sarebbe in buone condizioni di salute.

"Sono riuscito a farcela perchè ho mantenuto la calma, sapevo che se l’avessi persa sarebbe stata la fine, ma devo ringraziare il Signore". Stanco, provato, ma in buone condizioni di salute, Rocco Ciullo ha raccontato così la sua odissea di naufrago, per due giorni in mezzo al mare in burrasca e rintracciato a circa 22 miglia al largo di Leuca. L'imprenditore 59enne di Castro (Lecce), è stato condotto al porto di Santa Maria di Leuca da una motovedetta della Guardia costiera. Provato, stanco, ma in buone condizioni di salute, è stato accolto dalla moglie, le due figlie e il genero.

"Non ho avuto paura, – dice ai giornalisti Ciullo – perchè sono riuscito a mantenere la calma. Ho sempre remato (e l’uomo mostra le mani che presentano evidenti segni dello sforzo profuso,ndr)". "Ero vicino alla grotta della Zinzulusa, quando - racconta – si è rotta la orda di avviamento del motore e il mare di burrasca col forte vento mi hanno impedito di rientrare a remi, spingendomi al largo".

Ciullo ha poi spiegato come tutto si sia complicato per essersi dimenticato di prendere il cellulare dall’auto, prendendo per sbaglio il lettore MP3. "Quando ho visto la nave che mi ha salvato (il mercantile 'Procidà) – racconta – pensavo che ancora una volta nessuno mi avrebbe visto, perchè in precedenza altre tre navi erano passate vicino ma o nessuno mi ha visto o hanno scambiato la barca per qualche natante di scafisti". Alla domanda se ritornerà ad uscire in mare, l'imprenditore salentino ha risposto: "Certo, si è trattato solo di un’avaria, come può succedere con la macchina e che fai allora, non la prendi piu?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400