Cerca

Il sindaco di Monteroni annuncia le dimissioni sul proprio profilo Fb

MONTERONI DI LECCE – Dimissioni da sindaco annunciate alle 11.57 di oggi sul proprio profilo Facebook "che uso per comunicazioni istituzionali", precisa il diretto interessato aggiungendo al telefono che alla base della decisione c'è un "agguato politico". Giorgio Lino Guido, dopo sei anni da primo cittadino di Monteroni di Lecce, paese di 14mila anime dell’hinterland salentino, ha gettato la spugna all’inizio del suo secondo mandato
Il sindaco di Monteroni annuncia le dimissioni sul proprio profilo Fb
MONTERONI DI LECCE (LECCE) – Dimissioni da sindaco annunciate alle 11.57 di oggi sul proprio profilo Facebook "che uso per comunicazioni istituzionali", precisa il diretto interessato aggiungendo al telefono che alla base della decisione c'è un "agguato politico". Giorgio Lino Guido, dopo sei anni da primo cittadino di Monteroni di Lecce, paese di 14mila anime dell’hinterland salentino, ha gettato la spugna all’inizio del suo secondo mandato: è in carica dal 2008 ed era stato confermato l’anno scorso alla guida di una coalizione di centrodestra.

"Comunico alla cittadinanza tutta le mie dimissioni dalla carica di sindaco della città di Monteroni di Lecce. Grazie a tutti i miei concittadini". Così Guido ha scritto stamani sul profilo Fb dopo aver consegnato le dimissioni alla segreteria generale del Comune e dopo che nove consiglieri – cinque dell’opposizione e quattro della maggioranza – si erano anche loro dimessi. La decisione è maturata in seguito a contrasti all’interno della maggioranza. Guido si scaglia in particolare contro uno dei consiglieri di maggioranza, Antonio Pezzuto, che "è stato mio competitor – spiega al telefono – nelle primarie del 2013. Già, perchè io sono stato uno dei pochi insieme al sindaco di Lecce ad essere scelto come candidato sindaco attraverso le primarie, che ho stravinto. Ora chi ha tradito quel mandato dovrà risponderne ai cittadini".

E quando parla di "agguato politico", Guido sottolinea che aveva già convocato per il 16 dicembre prossimo "una riunione di maggioranza per dare nuovo impulso all’attività dell’ amministrazione comunale", e invece "oggi sono arrivate le dimissioni. Qui siamo ai ricatti politici – aggiunge -, alle pressioni per un posto che 'contà, ma io ai ricatti non ci sto e anzi, se ce ne sono i presupposti, li denuncio a chi compete".

Il sindaco dimissionario respinge anche l’ipotesi che l'ennesima crisi al Comune di Monteroni di Lecce (altre ve ne erano state già tra il 2011 e il 2012) siano legate ad alcune inchieste giudiziarie su appalti e usura che hanno riguardato persone vicine all’apparato amministrativo. "Nè io, nè alcuno dei mie collaboratori è stato mai coinvolto o interessato da provvedimenti. Anzi, so che ci sono state richieste di archiviazione. Ad ogni modo la questione è puramente politica. Ripeto, alla politica dei ricatti per 'contarè di più in Comune dico di no e preferisco mollare tutto. Poi ciascuno dovrà assumersi le sue responsabilità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400