Cerca

Lecce, blitz contro Scu arrestati 35 affiliati per sparatorie e attentati Ordini dal carcere via Fb e Skype

LECCE – L’operazione riguarda la zona 167 del capoluogo salentino. Tra i reati contestati, l’associazione a delinquere di stampo mafioso, detenzione e spaccio di droga, estorsione e detenzione illegali di armi e danneggiamento ad esercizi pubblici. Gli investigatori, in particolare, avrebbero ricostruito il periodo delle numerose sparatorie e attentati dinamitardi e anche con colpi di pistola compiuti ai danni di numerosi esercizi commerciali, che aveva allarmato la città dal gennaio scorso a settembre
Suicida perchè vessato dalle minacce
Confiscati beni a clan di Gallipoli per 3 mln di euro
Lecce, blitz contro Scu arrestati 35 affiliati per sparatorie e attentati  Ordini dal carcere via Fb e Skype
LECCE, – Un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 35 persone, in gran parte affiliati alla organizzazione di tipo mafioso Sacra Corona Unita, viene eseguita in queste ore a Lecce dagli agenti di polizia della squadra mobile della Questura. Il provvedimento è stato emesso dal gip di Lecce Alcide Maritati su richiesta del sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia Guglielmo Cataldi. L’operazione riguarda la zona 167 del capoluogo salentino.

Tra i reati contestati, l’associazione a delinquere di stampo mafioso, detenzione e spaccio di droga, estorsione e detenzione illegali di armi e danneggiamento ad esercizi pubblici.    

Gli investigatori, in particolare, avrebbero ricostruito il periodo delle numerose sparatorie e attentati dinamitardi e anche con colpi di pistola compiuti ai danni di numerosi esercizi commerciali, che aveva allarmato la città dal gennaio scorso a settembre.

Tra gli episodi, i finti manifesti funebri contro un pregiudicato, Davide Vadacca, affissi lo scorso 11 settembre in citta con la scritta "Rimarrai sempre nu lurdo e infame" e il suicidio nel gennaio scorso di Luca Rollo, il giovane di Cavallino (Lecce) trovato impiccato lo scorso 12 gennaio ad un albero di ulivo. Un suicidio che – secondo gli investigatori – sarebbe riconducibile a ingenti debiti contratti per l’acquisto di droga.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400