Cerca

Bufera sul Gran Sasso stop a ricerche dei corpi dei militari pugliesi morti

PESCARA – Una bufera di neve e il forte vento hanno bloccato le operazioni di recupero dei corpi di due giovani alpini Giovanni De Giorgi, 26 anni di Galatina (Lecce) e Massimiliano Cassa, 29, di Corato (Bari) che venerdì scorso sono scivolati in un canalone, sul Gran Sasso, per oltre 300 metri, durante un’escursione a quota 2.400 metri. Una squadra del Cnsas ha intanto trasportato dei materiali in prossimità della ferrata Brizio, situata tra il versante aquilano e quello teramano del Gran Sasso, per provare a percorrere la stessa quando le condizioni meteo saranno migliorate
Bufera sul Gran Sasso stop a ricerche dei corpi dei militari pugliesi morti
PESCARA – Una bufera di neve e il forte vento hanno bloccato le operazioni di recupero dei corpi di due giovani alpini Giovanni De Giorgi, 26 anni di Galatina (Lecce) e Massimiliano Cassa, 29, di Corato (Bari) che venerdì scorso sono scivolati in un canalone, sul Gran Sasso, per oltre 300 metri, durante un’escursione a quota 2.400 metri.

Dal lato di Campo Imperatore sono in attesa le squadre del Cnsas, della Forestale e della Guardia di Finanza, oltre agli alpini del 9/o Reggimento; dal lato di Prati di Tivo (Teramo) c'è un’altra squadra del Cnsas. A causa del maltempo è escluso l'intervento dell’elicottero del 118.

Una squadra del Cnsas ha intanto trasportato dei materiali in prossimità della ferrata Brizio, situata tra il versante aquilano e quello teramano del Gran Sasso, per provare a percorrere la stessa quando le condizioni meteo saranno migliorate: al momento però questo non è possibile, anche in considerazione della presenza di accumuli di neve e il conseguente rischio di valanghe.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400