Cerca

Matera e Lecce alleate nel nome della cultura

di FABIO CASILLI
Alla fine hanno voluto fare anche una foto, insieme, con in mano un’insolita, ma significativa targa automobilistica: «Mt 2019 Le». Perché, nell’incontro di ieri nel Salento, i sindaci di Matera, Salvatore Adduce, e Lecce, Paolo Perrone, hanno voluto stringere più di una collaborazione, ad una settimana esatta dal verdetto che decretato la vittoria della città dei Sassi come capitale europea della Cultura 2019
La commissaria europea: «La partecipazione di tutti una garanzia di successo»
Matera e Lecce alleate nel nome della cultura
di FABIO CASILLI

Alla fine hanno voluto fare anche una foto, insieme, con in mano un’insolita, ma significativa targa automobilistica: «Mt 2019 Le». Perché, nell’incontro di ieri nel Salento, i sindaci di Matera, Salvatore Adduce, e Lecce, Paolo Perrone, hanno voluto stringere più di una collaborazione, ad una settimana esatta dal verdetto che decretato la vittoria della città dei Sassi come capitale europea della Cultura 2019. Al di là degli «steccati ideologici e politici»: Perrone guida una Giunta di centrodestra, Adduce un’amministrazio - ne di centrosinistra. Entrambi hanno infatti parlato di una vera e propria «fusione» dei progetti e degli staff messi in campo per contendersi il prestigioso titolo. Come, appunto, se avessero vinto entrambi.

Del resto, se lo erano detti proprio a Roma, e proprio qualche minuto prima dell’atteso responso, che in caso di scelta di una delle due come capitale europea della Cultura, l’altra sarebbe stata necessariamente coinvolta. «Voglio ringraziare il sindaco Adduce perché, nella sua prima uscita dalla Basilicata, ha deciso di venire qui, a Lecce - ha sottolineato Perrone - E voglio ringraziarlo perché, poco fa, ha confermato l’impegno preso allora. Da parte nostra, la collaborazione si sostanzia nell’apporto che le nostre energie possono dare a quel processo».

E il primo cittadino materano ha ricambiato la cortesia: «Sono qui per rendere onore al lavoro straordinario fatto dal sindaco Perrone - ha infatti aggiunto Adduce - Lui, come me, ci ha messo la faccia. E poteva anche non farlo. Perché questo comporta dei rischi anche quando si vince, figuriamoci quando si perde d’un soffio. Questa è una grande opportunità non solo per Matera e la Basilicata, ma anche per un più vasto territorio, che include la Puglia a cominciare proprio da Lecce. Sono rimasto favorevolmente impressionato dai progetti di rigenerazione urbana, presentati da Lecce al museo Maxxi di Roma. Questo rappresenta uno dei temi straordinariamente importanti per il futuro» .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400