Cerca

Notte della Taranta attese 150mila persone

LECCE - A Melpignano fervono i preparativi per il concertone finale di sabato 23 agosto (diretta su Rai5 e Radio2). Quest’anno sono attese – secondo gli organizzatori dell’evento – circa 150mila persone a ballare la pizzica fino all’alba. Ospiti internazionali: Bombino, Glen Velez, Lori Cotler e Avi Avital. Gli italiani saranno Roberto Vecchioni, Alessandro Mannarino, i Fratelli Mancuso e Antonella Ruggiero. Tutti saranno chiamati a interpretare i brani della tradizione salentina insieme all’Orchestra popolare diretta Giovanni Sollima.
Notte della Taranta attese 150mila persone
LECCE – Si chiude questa sera a Martano, nel Salento, la fase itinerante della 17/a edizione del Festival della Notte della Taranta: 15 le tappe, con 60 gruppi di musica popolare coinvolti dal 5 agosto, con ospiti provenienti da ogni angolo del mondo, dall’India alla Mongolia alla Turchia. E a Melpignano fervono i preparativi per il concertone finale di sabato 23 agosto (diretta su Rai5 e Radio2). Quest’anno sono attese – secondo gli organizzatori dell’evento – circa 150mila persone a ballare la pizzica fino all’alba.

Ospiti internazionali: Bombino, Glen Velez, Lori Cotler e Avi Avital. Gli italiani saranno Roberto Vecchioni, Alessandro Mannarino, i Fratelli Mancuso e Antonella Ruggiero. Tutti saranno chiamati a interpretare i brani della tradizione salentina insieme all’Orchestra popolare diretta Giovanni Sollima.

Nel piccolo centro della Grecìa Salentina, intanto, cominciano ad arrivare – rendono noto sempre gli organizzatori - anche i corrispondenti della stampa estera. Tra gli oltre 400 operatori dell’informazione già accreditati molti sono stranieri: dagli Stati Uniti, al Messico, dalla Romania alla Danimarca, fino agli Emirati Arabi.

"Questo dice – Wolfgang Achtner, documentarista americano – è un momento straordinario, in cui una piccola località diventa una delle capitali della musica mondiale, un esempio tipico di world music, fatto di contaminazioni tra le diverse culture e tradizioni". "In Sudamerica – dice la corrispondente della tv NTN24, Mary Villalobos – si pensa all’Italia come parte di un continente addormentato per la crisi. E’ piacevole invece scoprire che ci sono delle tradizioni popolari così vive e vivaci". "La Notte della Taranta – afferma Alfredo Tesio Borsen del quotidiano danese Politiken – rappresenta una pietra miliare del folk europeo che rischia di scomparire. Tutto quello che questo fenomeno interpreta e difende dovrebbe rappresentare un patrimonio per l’intera umanità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400