Cerca

Un comitato di cittadini
contro i bivacchi a Gallipoli

GALLIPOLI (Lecce) - Il comitato costituitosi spontaneamente sulle pagine di Facebook  in riposta al malcontento per quanto in questi giorni di agosto si sta verificando nella Perla dello Jonio a causa dell’invasione di migliaia di giovani turisti che generano scene di degrado definite intollerabili: strade invase da montagne di rifiuti (soprattutto bottiglie contenenti prodotti alcolici), giovani che dormono su marciapiedi o spiagge libere trasformate in campeggi abusivi.
Un comitato di cittadini
contro i bivacchi a Gallipoli
LECCE – “Basta col turismo maleducato di Gallipoli. Ridateci la nostra città”: a dirlo sono i rappresentanti del neonato "Comitato di Liberazione Gallipoli", costituitosi spontaneamente sulle pagine di Facebook raccogliendo in pochi giorni, col passaparola, oltre 300 adesioni e ciò in riposta al malcontento per quanto in questi giorni di agosto si sta verificando nella Perla dello Jonio a causa dell’invasione di migliaia di giovani turisti che generano scene di degrado definite 'intollerabilì.
Tali scene sono state documentate dai componenti del comitato con una serie di foto diffuse sui social: compaiono strade invase da montagne di rifiuti (soprattutto bottiglie contenenti prodotti alcolici), giovani che dormono su marciapiedi o spiagge libere trasformate in campeggi abusivi.

“Gallipoli è diventata una pentola pronta ad esplodere. - lamenta uno dei coordinatori del comitato, Roberto Giurgola - Noi cittadini di Gallipoli non ci sentiamo tutelati da questa invasione di zombie a cui è permesso di fare tutto ciò che vogliono, mentre a noi si chiede di rispettare le regole”. Il neocomitato per il prossimo 21 agosto ha organizzato una manifestazione di protesta sotto la sede del Comune di Gallipoli in concomitanza con lo svolgimento della riunione del consiglio comunale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400