Cerca

Licenze «facili» per feste in spiaggia 6 indagati nel Salento

PORTO CESAREO (LECCE) – Un sistema di autorizzazioni «facili», solo sulla carta temporanee ma in realtà continuative, per consentire ai titolari di un noto stabilimento balneare di Porto Cesareo di svolgere festa in spiaggia, a discapito della tranquillità dei residenti. E' quanto avrebbe scoperto la procura della Repubblica di Lecce, che oggi ha fatto notificare l’avviso di conclusione delle indagini a sei indagati
Licenze «facili» per feste in spiaggia 6 indagati nel Salento
PORTO CESAREO (LECCE) – Un sistema di autorizzazioni «facili», solo sulla carta temporanee ma in realtà continuative, per consentire ai titolari di un noto stabilimento balneare di Porto Cesareo di svolgere festa in spiaggia, a discapito della tranquillità dei residenti. E' quanto avrebbe scoperto la procura della Repubblica di Lecce, titolare dell’inchiesta il pm Antonio Negro, che oggi ha fatto notificare l’avviso di conclusione delle indagini a sei indagati.

Si tratta del sindaco di Porto Cesareo, Salvatore Albano, dell’ex sindaco Antonio Basile, del geometra dell’ufficio tecnico comunale Maurizio D’Andria, dei titolari dello stabilimento Bahia del Sol, i fratelli Luca e Stefania Mangialardo, e di un militare in servizio alla Capitaneria di porto di Gallipoli, Stefano Stella, che è anche consigliere comunale a Leverano (Lecce).
Abuso d’ufficio, falso ideologico e materiale, e rivelazione di atti d’ufficio sono i reati ipotizzati a vario titolo; l’ultimo riferito al militare, che secondo l’accusa avrebbe avvertito l’amico imprenditore di un imminente controllo.

A far scattare l’inchiesta penale furono alcuni esposti di cittadini residenti nella zona dello stabilimento balneare, infastiditi dalle assordanti feste in spiaggia. Gli accertamenti riguardano le estati del 2011 e del 2012, quando i carabinieri eseguirono controlli sequestrando anche attrezzature musicali. Secondo l’accusa, in particolare, l’autorizzazione per una serata danzante, domenica 11 luglio 2011, sarebbe stata firmata nel giro di poche ore, con gli uffici chiusi e senza parere della Asl.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400