Lunedì 23 Luglio 2018 | 11:41

Ladri buongustai fanno pieno di vino

di LINDA CAPPELLO
GUAGNANO (LECCE) - Via con circa 15mila bottiglie di vino pregiatissimo, per un valore di mercato di diverse centinaia di migliaia di euro. Colpo grosso, l’altra notte, ai danni dell’azienda agricola di «Cosimo Taurino», specializzata nella produzione e nel commercio di vini, che si trova nella zona industriale di Guagnano. I malviventi, con ogni probabilità, sapevano bene dove e come agire
Ladri buongustai fanno pieno di vino
di LINDA CAPPELLO

GUAGNANO (LECCE) - Via con circa 15mila bottiglie di vino pregiatissimo, per un valore di mercato di diverse centinaia di migliaia di euro. Colpo grosso, l’altra notte, ai danni dell’azienda agricola di «Cosimo Taurino», specializzata nella produzione e nel commercio di vini, che si trova nella zona industriale di Guagnano. I malviventi, con ogni probabilità, sapevano bene dove e come agire. Non è escluso che possano aver fatto un sopralluogo nei giorni scorsi per «studiare» la struttura, spacciandosi per clienti.

Per entrare nell'edificio, i ladri hanno rotto la catena posta a sicurezza del cancello posteriore, avendo poi cura di riposizionarla con attenzione dopo essere andati via, per non destare sospetti. Una volta entrati nel piazzale, i banditi hanno forzato il portone dal quale si accede ai magazzini. Con l’ausilio di un camion o di un tir, si sono impossessati di 15 bancali di vino: per la precisione, ogni bancale è composto da 112 cartoni, e in ognuno sono confezionate sei bottiglie.
È evidente che chi ha agito (con ogni probabilità una vera e propria banda) deve avere una discreta conoscenza del settore: sono stati infatti rubati i vini più pregiati, nelle bottiglie già etichettate.

La struttura non è dotata né di sistema di allarme, né di telecamere di videosorveglianza: a proteggere l’azienda agricola c’erano solo due cani, un pastore tedesco ed un rotweiler, che forse potrebbero essere stati narcotizzati. Per non essere notati, i ladri hanno anche rotto i fari che illuminano il piazzale dell’impresa.
Dopo aver fatto incetta di vino, però, non si sono fermati. Dalla ditta è stata anche portata via una macchina utilizzata per lavare i pavimenti, un muletto per caricare i bancali di vino e due autoradio installate all’inter no di altrettanti camion.

La scoperta è stata fatta dai dipendenti dell’azienda, quando, all’alba di ieri mattina, si sono recati al lavoro. Sul posto sono accorsi i carabinieri della stazione locale ed i colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Campi Salentina. «Il danno è stato ingente», commenta sconfortata Rosanna Taurino, legale rappresentante dell’azienda agricola. «A fine mese», continua, «avremmo dovuto spedire cinque pedane di vino in Canada, e purtroppo non riusciremo ad onorare l’impegno. Dovevamo anche fare un’altra consegna in un ristorante in Puglia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

«Il nuovo governo cambi rotta sulla 275»

«Il nuovo governo
cambi rotta sulla 275»

 
Casarano, è Pitino il primo colpo

Casarano, è Pitino
il primo colpo

 
Tap, Emiliano: presi in giro pugliesi che hanno votato M5s

Tap, Emiliano: presi in giro
pugliesi che hanno votato M5s

 
Lecce, incendio fa strage di animaliin allevamento: morte oltre 400 bestie

Lecce, incendio fa strage di animali in allevamento: morte oltre 400 bestie

 
Università: ministra Lezzi relatrice con figlio in braccio

Ministra Lezzi contestata:
non hai bloccato gasdotto

 
«Fast food» ambulanti al Tar dopo lo sfratto

«Fast food» ambulanti
al Tar dopo lo sfratto

 
Xylella, Emiliano a Centinaioserve decreto per abbattimenti

Xylella, ministro in Salento:
valutiamo con Ue abbattimento

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS