Cerca

Open days nel Salento Dal 5 luglio a spasso tra castelli, musei e palazzi

LECCE - Torna l’appuntamento con «Puglia open days» e l’arte fa lo straordinario ogni sabato, da luglio a settembre. Dal 5 luglio, il patrimonio culturale del Salento aprirà le porte ai turisti ogni sabato, dalle 20 alle 23. Dalla capitale del barocco, Lecce, alla città dei martiri, Otranto. «Puglia open days» propone un viaggio tra imponenti manieri, palazzi storici, prigioni, per perdersi infine nelle armonie architettoniche dei santuari, delle numerose chiese, basiliche e cattedrali
Open days nel Salento Dal 5 luglio a spasso tra castelli, musei e palazzi
LECCE - Torna l’appuntamento con «Puglia open days» e l’arte fa lo straordinario ogni sabato, da luglio a settembre. Il progetto di promozione dell’offerta turistica voluto dall’Assessorato regionale al Mediterraneo, Cultura e Turismo e attuato da Puglia Promozione, prevede anche quest’anno aperture straordinarie e visite guidate gratuite di beni culturali e artistici in tutta la regione.

Nella provincia di Lecce, turisti e visitatori potranno scoprire e ammirare ottanta luoghi di interesse - fra centri storici, castelli, chiese, musei, ecomusei, aree archeologiche, dimore storiche, teatri e siti ipogei - in quaranta comuni. L’imponente programma è stato presentato nei giorni scorsi a Bari dall’assessore Silvia Godelli, dal direttore di Puglia Promozione Giancarlo Piccirillo e dalla referente del progetto Stefania Mandurino.

Dal 5 luglio, il patrimonio culturale del Salento aprirà le porte ai turisti ogni sabato, dalle 20 alle 23. Dalla capitale del barocco, Lecce, alla città dei martiri, Otranto, il cui borgo antico è entrato nel 2010, nel ristretto «gotha» dell’Unesco in qualità di patrimonio culturale e sito messaggero di pace. «Puglia open days» propone un viaggio tra imponenti manieri come il Carlo V a Lecce, il castello di Copertino, il castello aragonese di Otranto, i castelli di Acaya, Castro, Corigliano d’Otranto, e palazzi storici come Palazzo Gallone e le sue prigioni a Tricase e Palazzo Palmieri aMartignano, per perdersi infine nelle armonie architettoniche dei santuari, delle numerose chiese, basiliche e cattedrali come il Duomo di Lecce, la Basilica di Santa Caterina d’Alessandria a Galatina, la chiesa di Casaranello a Casarano, la Cattedrale di Sant’Agata a Gallipoli, il Santuario di Santa Maria di Finibus Terrae a Leuca o la guglia del Raimondello a Soleto.

E ancora, musei e parchi archeologici come quelli di Poggiardo e Ugento, senza dimenticare a Lecce il Museo della cartapesta e il Must, il sistema museale di Gallipoli e il Museo civico messapico di Alezio e il museo del bosco a Supersano. Anche gli Ecomusei del Salento apriranno le porte il sabato sera. Protagonisti il Museo diffuso di Cavallino, l’Ecomuseo delle Serre Salentine a Neviano, l’Ecomuseo dei paesaggi di Pietra ad Acquarica di Lecce, l’Ecomuseo urbano di Botrugno e l’Ecomuseo della pietra leccese a Cursi. «Puglia open days» svela inoltre i borghi della provincia: da non perdere, l’itinerario a Patù alla scoperta del monumento funerario delle Centopietre, le visite guidate tra i vicoli del centro storico di Acquarica del Capo, Alessano, Castro, Corigliano d’Otranto, Galatone, Gallipoli, Giurdignano con i suoi siti megalitici, Maglie,Melpignano, Minervino di Lecce, Morciano di Leuca, Muro Leccese, Nardò, Palmariggi, Poggiardo, Presicce con la visita agli ipogei, San Cassiano, Soleto, Specchia, Tricase e Uggiano La Chiesa. Di più.

Sei chiese del centro storico di Lecce - Duomo dell’Assunta, Basilica di Santa Croce, Chiesa di Sant’Irene (Chiesa dei Teatini), Chiesa di San Matteo, Chiesa di Santa Chiara e Basilica del Rosario - saranno aperte tutti i giorni di luglio e agosto e tutti i sabato e domenica di settembre, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20. Città e beni culturali saranno più ospitali grazie a laboratori didattici, spettacoli e visite guidate tematiche per bambini e famiglie a Castro, Corigliano d’Otranto, Galatina, Lecce, Maglie, Nardò, Otranto, Poggiardo, Supersano e Tricase. Percorsi e itinerari urbani sono inoltre pensati per essere fruiti anche da persone con disabilità: su richiesta e prenotazione obbligatoria, si potrà ricevere il servizio di interpreti Lis e di assistenti dedicati per le disabilità motorie. Infine, è stata creata una comoda cartoguida che permette di pianificare, a colpo d’occhio, il proprio itinerario. Tutte le info su www.viaggiareinpuglia.it.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400