Cerca

A Renzo Arbore il «Premio Apollonio»

di GIUSEPPE PASCALI
LECCE - Parata di stelle per il Premio Apollonio, che con nella sua decima edizione incoronerà Renzo Arbore. Sarà infatti il noto showman foggiano ideatore e mattatore di trasmissioni cult, da «Quelli della notte» a «Indietro tutta!» a ricevere, venerdì prossimo, nel chiostro del Rettorato dell’Università del Salento alle 21, il premio ideato e promosso dai fratelli Marcello e Massimiliano Apollonio, condotto anche quest’anno da Neri Marcorè
A Renzo Arbore il «Premio Apollonio»
di Giuseppe Pascali

LECCE - Parata di stelle per il Premio Apollonio, che con nella sua decima edizione incoronerà Renzo Arbore. Sarà infatti il noto showman foggiano ideatore e mattatore di trasmissioni cult, da «Quelli della notte» a «Indietro tutta!» a ricevere, venerdì prossimo, nel chiostro del Rettorato dell’Università del Salento alle 21, il premio ideato e promosso dai fratelli Marcello e Massimiliano Apollonio, condotto anche quest’anno da Neri Marcorè.

Obiettivo prioritario del Premio è quello di omaggiare le personalità pugliesi che, grazie al loro talento espresso nei diversi ambiti, dal giornalismo alla musica alla letteratura al cinema, abbiano varcato per fama i confini nazionali e internazionali, contribuendo a dare lustro al territorio regionale.

Il Premio Apollonio si propone dunque come espressione di una Puglia vivace e forte, ricca di eccellenze legate alla laboriosità e alla generosità di gente straordinaria che, in silenzio, costruisce le basi per un futuro migliore, per la Puglia e per l’Italia. Ma vuole essere anche un omaggio alla terra del Salento, alla storia della cantina Apollonio e alle tre generazioni che hanno preceduto i fratelli Apollonio contribuendo al successo a livello nazionale e internazionale.

Sul palcoscenico ci saranno anche Ale e Franz la coppia di attori comici italiani “esplosi” nel 2002 grazie alla partecipazione alla trasmissione televisiva “Zelig”. Da allora è stato un crescendo di successi per loro, da Zelig a Seven Show passando per Pippo Chennedy Show, Mai dire gol e Convenscion. E poi il duo Antonio Rezza - Flavia Mastrella, specialisti in «comunicazione involontaria», uniti da più di vent’anni nella produzione di performance teatrali, film «a corto e lungo respiro, trasmissioni televisive, performance e set migratori».

Al loro attivo dodici opere teatrali interpretate dallo stesso Antonio Rezza, tra le quali «Pitecus», presentato a Madrid e a Valencia in lingua spagnola. A completare il parterre saranno poi Luca Barbarossa e la sua band e molti altri ospiti, tra i quali Gianni Morandi che ormai è una presenza fissa della manifestazione.

Le scorse edizioni del Premio hanno visto tra gli altri la presenza di personaggi del panorama dello spettacolo e della cultura italiani come Franco Battiato, Serena Dandini, Lillo e Greg, Francesca Reggiani, il Trio Medusa, Giovanni Vergassola, Max Paiella, Andrea Perroni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400