Cerca

Imu, agevolazioni per artigiani e commercianti

LECCE - C’è il via libera del consiglio comunale di Palazzo Carafa alle aliquote Imu agevolate per i locali destinati a ospitare (anche in affitto) attività commerciali, artigianali e culturali. E grazie all’emendament del consigliere Tramacere, il Comune verrà incontro anche a chi acquista la prima casa (potranno applicare l’aliquota per l’abitazione principale allo 0,4 per cento) a patto che inizino i lavori di manutenzione non oltre un anno dopo l’acquisto
Imu, agevolazioni per artigiani e commercianti
LECCE - Via libera dal Consiglio comunale di Palazzo Carafa, ieri sera, alle aliquote Imu agevolate per i locali destinati a ospitare (anche in affitto) attività commerciali, artigianali e culturali.

In base alla delibera, illustrata dall’assessore Attilio Monosi, si pagherà meno sugli immobili classificati nelle categorie catastali C1 (negozi e botteghe), C3 (laboratori per arti e mestieri) e D3 (teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli). Per questi, infatti, è previsto lo 0,76 per cento, anziché l’aliquota massima fissata all’1,06. Ovviamente, le agevolazioni si ripercuotono non solo sui proprietari degli immobili, ma anche su chi li prende in affitto. Tant’è che i proprietari dovranno rinegoziare al ribasso i contratti di locazione, fissando una riduzione del canone, pari al 12 per cento, entro il 31 luglio di quest’anno.

Per il resto, le aliquote Imu restano invariate. «Da qualche parte ho letto che a Lecce l’Imu non aumenterà rispetto all’anno scorso», ha sottolineato il consigliere del Pd, Antonio Torricelli, intervenendo in Aula - Non aumenterà perché è già al livello massimo». Lo stesso Torricelli ha poi annunciato il voto favorevole della minoranza su due emendamenti, presentati dal sindaco Paolo Perrone e dal presidente della Commissione Bilancio Oronzino Tramacere, e l’astensione del centrosinistra su tutte le agevolazioni previste. «Perché non ci riconosciamo nella delibera-madre - ha spiegato Torricelli - In questa città si incassano ben 33 milioni dall’Imu, un contributo molto consistente quindi da parte dei cittadini».

In considerazione della candidatura a capitale europea della Cultura, la proposta del primo cittadino era finalizzata a includere le attività culturali tra le agevolazioni allo 0,76 per cento. E così è stato. Mentre, grazie all’emendamento Tramacere, favorisce tutti coloro che acquistino la prima casa (potranno applicare l’aliquota per l’abitazione principale allo 0,4 per cento) a patto che inizino i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria non oltre un anno dopo l’acquisto e li terminino entro tre anni. Altrimenti il proprietario perde ogni beneficio e dovrà pagare l’imposta dovuta per intero (1,06 per cento) e per tutto il periodo precedente.

D’altro canto, la rimodulazione dell’Imposta municipale unica (Imu) d’ora in poi penalizzerà le case concesse in affitto per uso abitativo. Da quest’anno, infatti, si pagherà l’aliquota massima (1,06 per cento), mentre l’anno scorso si sborsava lo 0,76 per cento. Un provvedimento che, secondo qualcuno, potrebbe danneggiare le famiglie meno abbienti, che non riescono ad accedere ad un mutuo e ricorrono alla locazione.

E’ stata poi respinta la proposta, avanzata dal Movimento 5 Stelle, con una petizione popolare di «Democrazia diretta» sottoscritta da 883 cittadini. Con la stessa si chiedeva referendum a quorum zero; consigli comunali aperti per parlare dei bilanci municipali; bilancio partecipativo; e diretta streaming delle sedute di commissione. La discussione si è sviluppata sulla possibilità di approvare o meno solo alcuni punti della petizione. Per una «valutazione disgiunta» si è espresso anche l’avvocato Todisco che, ieri sera, per conto dei 5 Stelle, ha illustrato la petizione.

Ma, dopo aver espresso le proprie perplessità in particolare sul quorum zero dei referendum («Una soglia, anche bassa, va stabilita»), il consigliere dell’Udc Luigi Melica ha spiegato che la proposta dei grillini doveva essere o accolta o bocciata in toto. E così, alla fine, è stato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400