Giovedì 16 Agosto 2018 | 00:41

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

alessano

Prodi racconta il suo don Tonino
«È stato il mio parroco a Bologna»

«I suoi valori, l’accoglienza e la solidarietà, siano comuni a tutta l’umanità»

Prodi racconta il suo don Tonino «È stato il mio parroco a Bologna»

di Mauro Ciardo

«Ho conosciuto don Tonino quando era fresco di nomina a parroco a Bologna e con il tempo ho sempre ascoltato i suoi messaggi».

Risalgono agli anni ‘60 i ricordi dell’ex presidente della Commissione europea Romano Prodi sul profeta di pace don Tonino Bello e ieri ha voluto raccontarli mentre era ospite di un convegno sul tema “Mediterraneo ed Europa” organizzato dalla Fondazione che porta il nome dell’amato presidente di Pax Christi, in occasione dei 25 anni alla sua morte.

Per Prodi, accolto dal presidente della Fondazione Giancarlo Piccinni, è stata anche l’occasione per legare gli insegnamenti del Servo di Dio alla geopolitica internazionale.

«I valori dell’accoglienza e della solidarietà cari a don Tonino sono valori che devono essere comuni a tutta l’umanità – ha dichiarato l’ex presidente del Consiglio - non solo dell’Italia e non solo oggi. Abbiamo bisogno di più Europa, non di meno Europa - ha aggiunto - ci sono tanti nazionalismi ed è come un pane mezzo cotto che va cotto fino in fondo e ci vuole una grande visione politica per questo. Il Mezzogiorno è in un crisi terribile. Prima di tutto dobbiamo riprendere la fiducia e seguire degli esempi virtuosi con una vera carica umana e qui tornano i discorsi di uomini come don Tonino Bello, che era mezzo bolognese avendo studiato all’Onarmo e ogni volta che veniva diceva sempre messa nella mia parrocchia. Allora non lo conoscevano – ha ricordato Prodi - lo vedevano come uno strano prete venuto dal Sud ma, adagio adagio, si è fatto conoscere. Lui credeva molto nella gente invitandola a cantare in coro. Ecco, il Meridione non canta in coro, invece deve prendere in mano il proprio destino».

Non sono mancati passaggi sulle emergenze pugliesi e salentine in particolare, tra cui la vicenda Tap e l’istituzione delle zone economiche speciali.

«Ho insistito tanto perché si creasse un equilibrio rispetto al Nord nell’arrivo del gas – ha rimarcato Prodi - tutto arriva dalla Russia e dalla Germania quindi ho detto creiamo un nuovo hub, un nuovo incrocio che venga al Sud. Capisco che bisogna prendere tutte le precauzioni possibili – ha aggiunto - ma bisogna essere uniti nell’idea di equilibrare con grandi iniziative il Sud rispetto al Nord. Bisogna creare una politica meridionale vera, l’istituzione delle Zes potrebbe essere una delle soluzioni per il rilancio del Sud però gli spazi per queste zone sono limitati; aiutano certamente perché potrebbero essere un esempio ma per queste cose – ha concluso - occorre una voce comune».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

La pattuglia si ferma per soccorrere un'auto, ma viene a sua volta investita

La pattuglia si ferma per soccorso, ma viene travolta da auto

 
Festival Notte della Taranta a Lecce, ecco le strade chiuse al traffico

Festival Notte della Taranta a Lecce, ecco le strade chiuse al traffico

 
pistola

Il cugino non gli restituisce le canne da pesca e lui lo spara: un arresto a Leverano

 
Litiga con il vicino e spara contro la sua abitazione: fermato

Litiga con il vicino e spara contro la sua abitazione: fermato

 
A Santa Caterina, Nardò

Nardò, «Basta messa ad alto volume». La protesta: così perderemo la fede

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS