Domenica 22 Luglio 2018 | 13:04

due rapine ad uffici aci

Lecce, la donna
non era un ostaggio
ma la basista

Agenti della sezione antirapina della Squadra Mobile di Lecce hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di quattro indagati

ufficio Aci a Lecce

LECCE - Sono stati individuati ed arrestati i presunti autori delle due rapine a mano armata, una delle quali fallita, ai danni degli uffici dell’Aci di Lecce del 1° e del 14 marzo scorsi. Agenti della sezione antirapina della Squadra Mobile di Lecce hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di quattro indagati, tre dei quali sono stati portati in carcere. Si tratta dei leccesi Pierluigi Manisco, Roberto Corpus e Giuseppe Gallo; Lucia D’Anna, di 46 anni, moglie di Manisco, ha ottenuto gli arresti domiciliari.
Indagando sulla donna, grazie ai riscontri di alcune telecamere di sorveglianza dei negozi della zona, gli investigatori hanno chiuso il cerchio su due episodi che avevano allarmato la cittadinanza. La 46enne, infatti, è ritenuta la basista del gruppo.

Impiegata negli uffici Aci per conto di una ditta di pulizie, la donna era stata fatta ostaggio insieme ad un dipendente durante il primo colpo, fallito. La presenza nei pressi degli uffici Aci di una Fiat Panda, sulla quale fuggirono i malviventi, portò gli investigatori ad accertare che l'utilitaria era di proprietà dell’operaia, accusata di aver fornito al marito, e quindi ai suoi complici, particolari importanti su come entrare negli uffici e sul luogo in cui si trovava il danaro contante, garantendo così al gruppo criminale, durante la rapina del 14 marzo, di accedere alla cassaforte e di impossessarsi di soldi e assegni per un valore di oltre 6.000 euro. Nel corso delle perquisizioni domiciliari sono stati sequestrati complessivamente circa 100 grammi di eroina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Lecce, incendio fa strage di animaliin allevamento: morte oltre 400 bestie

Lecce, incendio fa strage di animali
in allevamento: morte oltre 400 bestie

 
Università: ministra Lezzi relatrice con figlio in braccio

Ministra Lezzi contestata:
non hai bloccato gasdotto

 
«Fast food» ambulanti al Tar dopo lo sfratto

«Fast food» ambulanti
al Tar dopo lo sfratto

 
Xylella, Emiliano a Centinaioserve decreto per abbattimenti

Xylella, ministro in Salento:
valutiamo con Ue abbattimento

 
Sequestrati beni per sei mln a esponenti Scu nel Leccese

Sequestrati beni per sei milioni a esponenti Scu nel Leccese

 
Palme date alle fiamme scempio a Parco Tafuro

Palme date alle fiamme
scempio a Parco Tafuro

 
Maxi-sequestro di sostanze anabolizzanti e dopanti: 5 arresti

Maxi-sequestro di sostanze anabolizzanti e dopanti: 5 arresti

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS