Cerca

Sabato 20 Gennaio 2018 | 12:11

TORINO

Subito pressioni, revisori si dimettono

Dopo braccio di ferro su conti capoluogo piemontese

Subito pressioni, revisori si dimettono

TORINO, 12 GEN - I Revisori dei Conti del Comune di Torino ha rassegnato le dimissioni. Nel motivare la decisione, gli esperti contabili parlano di "difficoltà nello scambio di comunicazioni e ostacoli nell'attività di raccordo" tra l'Ente e il Collegio e tra questo e il Consiglio comunale. "L'assenza di collaborazione e le pressioni ricevute - si legge nella lettera di dimissioni - sono state fonte anche di disagi operativi e di incomprensioni". L'organo di revisione, presieduto da Herri Fenoglio, aveva ingaggiato con i pentastellati un braccio di ferro sul debito Ream, la caparra di 5 milioni di euro che la Città di Torino deve restituire alla società nell'ambito del progetto Westinghouse. I revisori hanno inoltre bocciato il bilancio di previsione finanziario 2017-2019 e il bilancio consolidato 2016. "Revisori poco credibili, non ci fidiamo più", avevano sostenuto i consiglieri M5S, "rammaricati" del parere dei revisori, mentre l'assessore al Bilancio Rolando ha sempre sostenuto "l'applicazione della legge".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione