Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 05:43

PALERMO

Corruzione: Di Matteo, giudici disarmati

Giustizia a due velocità, poche condanne contro colletti bianchi

Corruzione: Di Matteo, giudici disarmati

PALERMO, 16 SET - "A livello normativo abbiamo degli strumenti finalmente efficaci e rigorosi per combattere estorsioni, traffici di stupefacenti, omicidi e tutte quelle manifestazioni di mafia militare, ma ci troviamo sostanzialmente disarmati rispetto al contrasto di quei reati e quelle condotte che esplicano quella capacità - che è anche delle mafie - di penetrare con la corruzione il mondo istituzionale e delle pubbliche amministrazioni". Lo ha detto il sostituto procuratore Antonino Di Matteo, ora alla Direzione nazionale antimafia, nel corso dell'incontro "Giustizia e bellezza contro corruzione e mafia" organizzato nell'ambito della festa di Avvenire al palazzo arcivescovile di Monreale. "Ecco perché - ha aggiunto - anche noi magistrati avvertiamo a volte il pericolo di una giustizia a due velocità: rigorosa e a volte anche spietata nei confronti della criminalità comune, ma che non riesce ad essere altrettanto spietata nei confronti del potere criminale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione