Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 20:59

TORINO

Unioni civili, a Torino sì in divisa

Sposo è vigile urbano Città. Assessore Giusta, giorno importante

Unioni civili, a Torino sì in divisa

TORINO, 17 LUG - Prima unione civile in divisa d'Italia a Torino, che si conferma capitale dei diritti. Il sì tra Gabriele Guglielmo, agente di polizia municipale e membro del direttivo di Polis Aperta, associazione Lgbt degli appartenenti alle forze di polizia e dell'ordine, e Cris Cardos. "Questa legge, di certo imperfetta, ci permette di essere qui e di celebrare il vostro amore", dice la consigliera comunale Pd Chiara Foglietta, che ha celebrato l'unione. "Non ci fermeremo qui - aggiunge - continueremo a lottare per la piena uguaglianza". Alla cerimonia anche l'assessore comunale alle Pari Opportunità, Marco Giusta. "Oggi è un giorno importante sia per la celebrazione di un amore che da quotidianità diventa norma, sia per la visibilità delle persone gay e lesbiche e delle loro famiglie all'interno della polizia municipale, e più in generale nelle forze armate - commenta -. La testimonianza quotidiana di Gabriele e dell'associazione Polis Aperta è un valore eccezionale per la costruzione di un paese civile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione