Cerca

Sabato 16 Dicembre 2017 | 23:43

RIMINI

Barca su scogli, nulla osta per corpi

Su vicenda aperto fascicolo contro ignoti per naufragio colposo

Barca su scogli, nulla osta per corpi

RIMINI, 20 APR - La Procura di Rimini ha rilasciato il nulla osta per restituire alle famiglie i corpi delle vittime del naufragio avvenuto all'imbocco del porto della città romagnola martedì pomeriggio. Non verrà eseguita alcuna autopsia. Sulla vicenda è aperto un fascicolo contro ignoti per naufragio colposo al fine di far luce sulle cause dell'incidente: il 'Dipiù', un Bavaria di 15 metri, si è schiantato contro la diga foranea all'ingresso del molo riminese. La tragedia è costata la vita a 4 persone: i veronesi Alessandro Fabbri, 66enne proprietario della barca; sua figlia Alessia, 38enne; Enrico Martinelli, 68 anni e il vicentino Ernesto Salin, 64 anni. Sopravvissuti i veronesi Luca Nicolis, 39enne fidanzato di Alessia, e Carlo Calvelli. L'inchiesta della Procura di Rimini dovrà accertare anche chi ha deciso di partire nonostante il bollettino meteo annunciasse da ore condizioni del mare avverse. Il 'Dipiù' era salpato dal porto di Marina di Ravenna tra le 12.30 e le 13 e l'incidente è avvenuto poco dopo le 16.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione