Cerca

ROMA

Emiliano, Franceschini leader? Perché no

In caso di scissione resta partito di un uomo solo al comando

Emiliano, Franceschini leader? Perché no

ROMA, 17 FEB - Se il congresso si fa in autunno e si evita la scissione, Franceschini potrebbe essere il segretario della ricomposizione? "Non lo so, però certamente non c'è scritto da nessuna parte che tutti i giochi funzionano se io o un altro facciamo il centravanti. Se la soluzione fosse una segreteria o un candidato diverso, ipotesi al momento irrealistiche, perché no, una comunità funziona così". Lo dice in un'intervista ad Agorà il presidente della Puglia Michele Emiliano. "Il partito che rimane" in caso di scissione "non è la Dc ma il partito di Renzi, il partito di un uomo solo al comando. Con una serie di personalità pur forti: Franceschini è un'eccezionale personalità però anche lui non riesce a convincere il suo segretario a fare il congresso, nonostante i sondaggi, a settembre".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione