Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 07:32

BOLOGNA

Università:giudice,arrestati determinati

'Incapacità a manifestare pensiero in modo non violento'

Università:giudice,arrestati determinati

BOLOGNA, 16 FEB - Dalle condotte dei due arrestati per i tafferugli del 10 febbraio a Bologna durante le proteste in zona universitaria emerge una forte determinazione a delinquere e un atteggiamento di spregio dell'autorità e delle istituzioni pubbliche. E un'incapacità a manifestare il pensiero, per quanto critico, in modo non violento e secondo logiche democratiche. E' un passaggio dell'ordinanza con cui il giudice Roberto Giovanni Mazza ha convalidato sabato i provvedimenti e disposto i domiciliari per i due attivisti, un ragazzo di 24 anni e una di 22.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione