Cerca

ROMA

Orlando, io segretario? Tema non è nomi

Renzi? Può ancora parlare a Italia ma ora riposizionare partito

Orlando, io segretario? Tema non è nomi

ROMA, 15 FEB - "La confusione sotto il cielo credo sia molta, e la situazione non è eccellente. Abbiamo molti candidati. Il problema non è di nomi, ma di idee. Se riusciamo a trovare un comun denominatore, evitiamo di dividerci in maniera profonda". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, a L'Aria che tira sul La7, rispondendo alla domanda se si candiderà alla segreteria del Pd. "Io non ho nessuna particolare propensione a mettermi in competizione, prima dovremmo lavorare sulla cooperazione", ha aggiunto. Quanto a Renzi "Io credo che abbia le energie per guidare questo passaggio e il partito. Io - precisa - non ho mai detto che il tema sia Renzi. Farei male l'antirenziano avendo fatto il ministro nel suo governo. Ma dopo la sconfitta del referendum dobbiamo riposizionare il partito. Renzi è la persona che ancora e nonostante tutto può parlare con più forza all'Italia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione