Cerca

NUORO

Giovani uccisi: per autore 'teste mente'

Dichiarazioni spontanee del 21enne in carcere a Nuoro

Giovani uccisi: per autore 'teste mente'

NUORO, 12 GEN - "Il superteste mente, ha detto solo bugie": questo il tenore delle dichiarazioni spontanee rilasciate davanti al gip del tribunale di Nuoro, Mauro Pusceddu, da Alberto Cubeddu, il 21enne di Nule in carcere a Badu 'e Carros con l'accusa di aver ucciso insieme al cugino - Paolo Enrico Pinna, 18 anni di Nule - lo studente di Orune Gianluca Monni e il giovane di Nule Stefano Masala, fatti di sangue avvenuti tra il 7 e l'8 maggio 2015. Cubeddu è comparso in aula in occasione di due incidenti probatori e ha voluto chiarire al giudice che lui è totalmente estraneo ai due omicidi e di essere contento che il gip abbia accettato le perizie sui telefonini di Alessandro Taras per accertare la verità e smentire le bugie che a suo dire avrebbe detto il supertestimone. Quest'ultimo ha raccontato di aver assistito, la sera del 9 maggio, all'incendio dell'auto di Stefano Masala nelle campagne di Pattada ad opera di Cubeddu. La stessa auto usata poi per l'omicidio dello studente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione