Cerca

A Bari imputato confessa agguato a boss

Vittima aveva corteggiato sua moglie

A Bari imputato confessa agguato a boss

ANSA) - BARI, 19 OTT - Ha confessato di aver ucciso il boss del quartiere San Pasquale di Bari Giacomo Caracciolese perché aveva corteggiato sua moglie. Il pregiudicato Donato Cassano ha ammesso per la prima volta il delitto, commesso il 5 aprile 2013, nella prima udienza del processo dinanzi alla Corte di Assise di Appello di Bari in cui sono contestati anche altri due fatti di sangue, il triplice omicidio di Vitantonio Fiore, Antonio Romito e Claudio Fanelli (uccisi al quartiere San Paolo di Bari il 19 maggio 2013) e il tentato omicidio del pregiudicato Domenico Catalice di due giorni prima. Cassano, già condannato in primo grado a 30 anni di reclusione, ha confessato di aver ucciso Caracciolese per motivi personali, aiutato dal cognato - poi ucciso in risposta a quel delitto - Vitantonio Fiore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400