Cerca

Addio a Lemmy Kilmister dei Motorhead, icona del rock duro

Addio a Lemmy Kilmister dei Motorhead, icona del rock duro

Ian 'Lemmy' Kilmister, fondatore e leader dei Motorhead, gruppo protagonista della scena heavy metal e hard rock britannica dagli anni '70, è morto a Los Angeles dopo una breve battaglia contro un cancro particolarmente aggressivo. La band ne ha annunciato il decesso su facebook, definendolo "il nostro nobile e poderoso amico" e invitando i suoi fans a ricordarlo suonando la sua musica a tutto volume. Con la morte di "Lemmy", che aveva da poco compiuto i 70 anni, scompare un eroe di varie generazioni di appassionati di hard rock e metal, noto, oltre che per la sua musica, anche per il suo singolare aspetto, i suoi grandi baffi e i vistosi nei sul viso. Più di tutto, però, contava lo stile creativo che lo aveva reso un personaggio cult della storia del rock e un innovatore, fin dagli esordi con il gruppo psichedelico degli Hawkind, poi per quattro decadi con i Motorheads. Tra i suoi album più famosi, Ace of Spades e Killed by Death. Metallica & Lemmy Kilmister - Damage Case Too Late Too Late "Aveva saputo della malattia il 26 dicembre. Era a casa, seduto davanti al suo videogame preferito, con la sua famiglia. Non ci sono parole per esprimere il nostro sconcerto e la nostra tristezza", si legge sul sito del gruppo. "Diremo di più nei prossimi giorni - aggiunge il post - , per adesso suonate forte i Motörhead, gli Hawkwind, la musica di Lemmy. Fatevi un drink o più di uno, condividete storie. Celebrate la vita di questo uomo meraviglioso che l'ha celebrata in modo così vibrante da sè. Lui avrebbe voluto esattamente questo". Numerosi i messaggi di cordoglio diffusi da altri musicisti e fan su tutti i social network. Nato alla vigilia di Natale del 1945 nello Staffordshire (Inghilterra), Kilmister aveva fondato i Motorhead nel 1975. L'Ultima intervista sulla strage di Parigi al Bataclan Bassista e cantante solista da sempre, era una istituzione anche tra i suoi colleghi musicisti rock. Ozzy Osbourne, che lo considerava "uno dei miei migliori amici", lo ha salutato in un tweet come "un guerriero e una leggenda", auspicando di ritrovarlo nell'aldilà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400