Sabato 21 Luglio 2018 | 15:51

la vittoria

Foggia si «riprende»
il suo pomodoro

Ora sulle etichette c’è scritta l’origine del prodotto. La Coldiretti: «Via i marchi stranieri» cosa cambia con la nuova legge

pomodoro

di MASSIMO LEVANTACI 

FOGGIA - Comincia una fase nuova per il pomodoro da industria prodotto in provincia di Foggia e per i consumatori che lo acquisteranno sugli scaffali dei supermercati e dei negozi alimentari. Il consiglio è di guardare le etichette: sono già presenti confezioni che indicano l’origine della provenienza del pomodoro, dove è stato coltivato e trasformato. Il consiglio della Coldiretti che ha organizzato a Foggia un convegno proprio su come leggere le nuove etichette è quello di «preferire i prodotti, concentrato o sughi pronti, che volontariamente indicano sulla confezione l’origine nazionale 100% del pomodoro utilizzato». Ricordiamo che il decreto interministeriale per l’origine obbligatoria sui prodotti come conserve e salse, oltre al concentrato e ai sughi, è uno strumento - dice l’organizzazione agricola - utile soprattutto alla Capitanata che produce il 40% del pomodoro italiano e può trarre vantaggio da queste nuove norme. In che modo? Certificando l’origine di una produzione che oggi la gran parte dei consumatori ignora.

«La provincia di Foggia - ha ricordato Lorenzo Bazzana, responsabile settore Ortofrutta della Coldiretti nazionale – è leader nel comparto con 3.500 produttori di pomodoro che coltivano mediamente una superficie di 26 mila ettari, per una produzione di 22 milioni di quintali ed una produzione lorda vendibile di quasi 175.000.000 euro. Dati ragguardevoli se confrontati al resto d’Italia con i suoi 55 milioni di quintali di produzione e i 95mila ettari di superficie investita». Numeri che non tornano quando però si dà un’occhiata agli stabilimenti che trasformano il pomodoro, «ben 223 dei quali 134 in Campania e 32 in Emilia Romagna», come dire che il prodotto una volta raccolto prende quasi tutto la strada di altre regioni. Ma finchè resta in Italia poco importa.

Il danno, secondo la Coldiretti, lo fanno le importazioni, «ben 82.000 tonnellate di concentrato di pomodoro provenienti dalla Cina per produrre salse “italiane”». Ecco perchè il decreto interministeriale firmato dai ministri Martina e Calenda e dal febbraio scorso «è una misura attesa di trasparenza per produttori e consumatori dopo che dall’estero – sottolinea il presidente di Coldiretti Foggia, Giuseppe De Filippo - sono arrivati nel 2017 ben 170 milioni di chili di derivati di pomodoro che rappresentano circa il 25% della produzione nazionale in equivalente di pomodoro fresco. Un fiume di prodotto che per oltre 1/3 arriva dagli Stati Uniti e per oltre 1/5 dalla Cina e che dalle navi sbarca in fusti da 200 chili di peso di concentrato da rilavorare e confezionare come italiano poiché nei contenitori al dettaglio è obbligatorio indicare solo il luogo di confezionamento, ma non quello di coltivazione del pomodoro». Tutto ciò ha determinato un abbattimento dei prezzi alla produzione che per le aziende agricole è diventato insostenibile.

«Nel 1985 - ricorda De Filippo - il pomodoro da industria veniva pagato 180 lire. L’attuale prezzo è identico a quell’anno dell’anno scorso e del 1985. Ovviamente gli industriali continuano a chiedere di ridurre la produzione nazionale perché ritenuta eccessiva, mentre continuano inarrestabili gli sbarchi di pomodoro concentrato dall’estero, un affronto alle nostre produzioni di qualità made in Italy».

La palla perciò passa ai consumatori: solo loro, potendo ora scegliere da prodotto italiano o non italiano, possono decidere da che parte stare e modificare gli equilibri a vantaggio dell’agricoltura e della produzione nazionale. Tanto più che «i derivati del pomodoro – ricorda Marino Pilati, direttore di Coldiretti Foggia - sono il condimento più apprezzato dagli italiani che ne consumano circa 30 chili a testa all’anno a casa, al ristorante o in pizzeria come passate, polpe o il pomodoro a pezzi, i pelati e i concentrati. Finalmente sarà possibile d’ora in avanti fare scelte di acquisto consapevoli e decidere se acquistare prodotti che arrivano da migliaia di chilometri di distanza spesso senza garantire gli standard di sicurezza europei, oppure pomodori Made in Italy».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Ristorazione, l'azienda Ladisaconferma trend crescita: +24%

Ristorazione, l'azienda Ladisa conferma trend crescita: +24%

 
Andria, mutilato il CrocifissoL'ira del vescovo: fatto grave

Andria, mutilato il Crocifisso
L'ira del vescovo: fatto grave

 
Gara Ilva, bufera su Di Maio«Annullamento è una follia»Cantone (Anac) frena sul parere

Gara Ilva, bufera su ministro Di Maio
«L'annullamento è una follia»
Cantone (Anac) frena sul parere

 
Nozze pugliesi per la show girl Justine Mattera. Pace fatta Nazzaro-Volpe

Nozze pugliesi per la show girl Justine Mattera. Pace fatta Nazzaro-Volpe

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
San Ferdinando, esecuzione in strada: commando fredda un pregiudicato

San Ferdinando, pregiudicato freddato nell'auto in centro Foto

 
Brindisi, assalto a bancomat:bandito ucciso dalla Polizia

Brindisi, assalto al bancomat: bandito ucciso in sparatoria con Polizia Foto

 
Bari, incendio in appartamento:in salvo una donna sul balcone

Bari, fuoco e panico a Japigia. «Tutti fuori»: salva una donna Foto
Vd: le grida d'aiuto e il salvataggio

 

GDM.TV

Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 

PHOTONEWS