Giovedì 21 Giugno 2018 | 06:43

LA LINEA della strage

Corato-Andria, il raddoppio
bloccato per un «ricatto»

linea ferroviaria

di MASSIMILIANO SCAGLIARINI

BARI - I lavori di raddoppio della Corato-Andria, la linea della strage del 12 luglio 2016, non possono partire perché manca un permesso di costruire. Quello di competenza del Comune di Corato, che dall’11 gennaio tiene in ostaggio Ferrotramviaria, pretendendo opere aggiuntive che farebbero lievitare il costo dell’intervento di quasi mezzo milione di euro. Opere che la Regione ritiene però non necessarie.

Per far emergere questa storia è stato necessario leggere tra le righe di un claudicante comunicato stampa con cui ieri Ferrotramviaria, nell’annunciare l’attivazione dal 26 febbraio del sistema Scmt sulla tratta Bitonto-Ruvo, lamentava la pesantezza delle procedure. «La società - si legge nella nota - è certa che se le norme vigenti consentissero di evitare alcune duplicazioni di autorizzazioni e gli eccessi di burocratizzazione, le opere infrastrutturali verrebbero realizzate in tempi certi». Per questo, Ferrotramviaria chiama in causa la Regione, dicendosi certa che «nel proprio interesse, la assisterà nel percorso amministrativo e nella tempestività del rimborso delle spese sostenute in anticipo per assicurare la continuità dei cantieri e l’avanzamento lavori». Lavori oggi fermi.

Il progetto per il raddoppio degli 11,6 km della Corato-Andria è un appalto integrato aggiudicato esattamente un anno fa alla Cemes di Pisa con un ribasso del 22,4% sulla base d’asta di 33 milioni. Il progetto ha ottenuto il via libera in conferenza di servizi, anche dalle amministrazioni locali, e la Ferrotramviaria due mesi fa ha chiesto il rilascio dei titoli edilizi ai tre Comuni interessati (Andria, Corato e Trani). Quello di Corato, tuttavia, ha subordinato il permesso di costruire al raddoppio del parcheggio della stazione, alla costruzione di una rotatoria oltre che di un cavalcaferrovia per eliminare un passaggio a livello su via Giappone: intervento, quest’ultimo, del tutto estraneo al progetto in quanto non previsto.

Ma il Comune ritiene che si tratti di una promessa da onorare. «Quando fu presentato il progetto definitivo - dice il sindaco di Corato, Massimo Mazzilli - condividemmo con Ferrotramviaria e la Regione gli interventi necessari. Non si può pensare infatti che una stazione che raddoppia il traffico non abbia un parcheggio raddoppiato: Fnb propose di costruirlo in zona Pip ma nel progetto esecutivo non ce n’è più traccia, è rimasto solo il ponticello di via Lama di Grazia. Per il sovrappasso di via Giappone, capiamo che non rientri nel quadro economico attuale, ma che sono necessari fondi ulteriori per un progetto stralcio». Il Comune ha chiesto un incontro alla Regione: venerdì sarà ricevuto dall’assessore ai Trasporti, Antonio Nunziante. Ma nel frattempo l’avvio dei lavori di raddoppio slitterà di almeno altri due mesi. «Tutto si può dire - ribatte Mazzilli - tranne che osteggiamo l’opera. Vogliamo quei treni prima degli altri. Non vogliamo ritardare l’opera, ma chiediamo il rispetto degli impegni presi».

La linea Corato-Andria è chiusa dal giorno dell’incidente: sequestrata dalla Procura di Trani, è stata poi riaperta ma solo per l’effettuazione dei lavori. A dicembre scorso, Ferrotramviaria ipotizzava di concludere il raddoppio e l’installazione del sistema Scmt (il «pilota automatico» dei treni) entro dicembre 2019: ora - se tutto andrà bene - siamo già ad aprile-maggio 2020. Ieri Fnb ha annunciato l’entrata in funzione del sistema Scmt fino a Ruvo: significa che da Bari si torna a viaggiare a 110 all’ora. Ma a Ruvo la linea si interrompe, perché anche la Ruvo-Corato è chiusa al traffico: la posa del secondo binario è terminata, ma mancano i sottosistemi di alimentazione (i cavi elettrici) e di segnalamento. Dall’ipotesi di aprile, dunque, il termine di riapertura adesso è diventato «entro l’estate»: il treno arriverà a Ruvo e poi proseguirà «a spola» fino a Corato, a 50 all’ora, fino a quando non arriverà l’autorizzazione Ansf per l’esercizio ordinario. Ma almeno si eviterà il trasbordo sugli autobus che oggi fa arrabbiare i pendolari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eleba

    13 Marzo 2018 - 09:09

    W l'Itaglia!

    Rispondi

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Lecce, acquisito Riccardi a titolo definitivo

Lecce, acquisito Riccardi a titolo definitivo

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Raffaele migliora ma serve ancora aiuto

Migliora 24enne barese sulla sedia a rotelle, ma serve ancora aiuto

 
Il ministro della Giustizia propone Basentini a capo del Dap

Il ministro della Giustizia propone Basentini a capo del Dap

 
Om Carrelli, venerdì corteo dei lavoratori

Om Carrelli, venerdì corteo dei lavoratori

 
Famiglia del dj Navi denuncia il Pm

Famiglia del dj Navi denuncia pm

 
Dal 16 luglio le immatricolazioni all'Università di Bari

Dal 16 luglio le immatricolazioni all'Università di Bari

 

MEDIAGALLERY

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 
Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

 
Le Pink Bari volano in finale per lo scudetto

La Primavera della Pink Bari vola in finale per lo scudetto

 
Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

 
Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Mondo TV
Oms, transgender non e' un malato mentale, basta stigma

Oms, transgender non e' un malato mentale, basta stigma

 
Economia TV
Ecobonus, famiglie italiane hanno investito 3,7 miliardi

Ecobonus, famiglie italiane hanno investito 3,7 miliardi

 
Meteo TV
Previsioni meteo della settimana

Previsioni meteo della settimana

 
Spettacolo TV
Cinema, tra umano e divino

Cinema, tra umano e divino

 
Italia TV
La nuova sfida europea sulle tracce dei migranti dispersi

La nuova sfida europea sulle tracce dei migranti dispersi

 
Calcio TV
Mondiali, la Russia vede gli ottavi

Mondiali, la Russia vede gli ottavi