Mercoledì 20 Giugno 2018 | 03:55

il comandante dei vigili

Bari, l'addio a Marzulli con gli onori militari in Basilica. Decaro: la città ti è grata

Il comune di Alberobello (dove ha diretto il Corpo nel 1985) gli riconoscerà la cittadinanza onoraria. La commozione del sindaco

Morte Marzulli, funerali a BariComune Alberobello a lutto

Foto Luca Turi

NICOLA PEPE

Un arcobaleno di fasce tricolori, decine di gonfaloni e tante divise di ogni Corpo o Forza di Polizia hanno accompagnato l'ultimo saluto al comandante della Polizia locale di Bari, Nicola Marzulli, morto il giorno di San Valentino all'età di 65 anni stroncato da un improvviso malore sotto gli occhi della moglie mentre era nella sua abitazione. In una Basilica di San Nicola gremita, centinaia di persone, tra amministratori pubblici, magistrati, rappresentanti delle forze dell'ordine, gente comune, si sono stretti attorno al generale. Un funerale con gli onori militari quello riconosciuto all'alto ufficiale. Il feretro è arrivato in Basilica scortato da un corteo di motociclisti  del Corpo con le sirene accese: ad attendere il comandante un picchetto d'onore. La celebrazione eucaristica è stata tenuta dal vescovo, mons. Francesco Cacucci, che nell'omelia ha ricordato il primo salmo sottolineando il rispetto della legge riferendosi alla personalità di Marzulli.

DECARO: LA CITTA' TI RINGRAZIA E TI CHIEDE SCUSA - L'elogio funebre è stato affidato a tre persone: l'ex sindaco Simeone Di Cagno Abbrescia che, per primo, nel 1999 chiamò al comando del Corpo, Nicola Marzulli; a una vigilessa che ha tratteggiato la figura del suo comandante e infine il sindaco, Antonio Decaro, visibilmente commosso che ha ringraziato Marzulli e ha chiesto «scusa a nome di tutta la città» per il tempo sottratto alla famiglia. «Senza di lui - ha ricordato il sindaco - non avremmo superato momenti difficili». Ha ricordato le battaglie della legalità del Comandante, tra cui la guerra alle fornacelle, e tante altre vicende di cui Marzulli è stato protagonista. «Mi chiamava singor Sindaco anche quando eravamo da soli - ha ricordato Decaro.

Cittadinanza onorario ad Alberobello - Ad Alberobello, comune dove più di trent'anni fa (dal 1985 al 1988) diresse il locale corpo dei vigili urbani, il Comune ha listato le bandiere a lutto per ricordare il generale Nicola Marzulli. Il sindaco Michele Longo, presente ai funerali con il gonfalone del Comune, ha anche annunciato che ha avviato l'iter per il riconoscimento della cittadinanza onoraria alla memoria per l'ex capo dei vigili. «Ancora oggi si ricordano di lui - dice il primo cittadino - che costituisce un grande e vero esempio di educazione, cordialità e collaborazione con i cittadini e di ferma repressione dell’illegalità a tutela del Paese». Longo ha ricordato l'incontro di poco tempo fa alla presenza del ministro Minniti in cui riconobbe pubblicamente il merito di Marzulli anche a distanza di 30 anni.

LA CAMERA ARDENTE E IL «VIAGGIO» IN DIVISA - Sin dal pomeriggio di mercoledì, c'è stato un continuo via vai di personalità e gente comune alla camera ardente allestita presso il locale comando di Polizia locale al rione Japigia con le spoglie dell'alto ufficiale avvolte nella sua divisa. Marzulli, a Bari, ha svolto l'attività di comandante dal 1999 (chiamato dall'allora sindaco Simeone Di Cagno Abbrescia) fino al 2005 quando il successore, Michele Emiliano, decise l'avvicendamento per motivazioni di ordine politico (dissapori con il vicesindaco). Una decisione che Marzulli non mandò giù: nonostante un infarto lo tenne lontano dal servizio (nel frattempo era stato nominato Dirigente della Ripartizione attività economiche), lui tentò la strada giudiziaria per riacquisire il comando ma soprattutto indossare la divisa che per tanti anni aveva conservato nell'armadio. Marzulli fu chiamato dal commissario del dissestato comune di Taranto a guidare i vigili del capoluogo jonico dove scoprì situazioni al limite dell’illecito. Dopo un anno, fu costretto a issare bandiera bianca perchè i suoi «metodi» non erano graditi ai sindacati. «Voglio solo che i vigili lavorino...» ripeteva. A fine del 2015, poi, la decisione dell'attuale sindaco Decaro di richiamarlo al vertice del Corpo (dopo avergli affidato la guida della disastrata azienda di trasporti Amtab che l'anno scorso ha chiuso per la prima volta il bilancio in pareggio).

IL SUO ULTIMO «REGALO» ALLA CITTA' - Il suo sogno era chiudere la carriera con la divisa (nel frattempo aveva conquistato i galloni di generale) anche se l'estate scorsa si profilò l'ipotesi di un avvicendamento. Ipotesi poi naufragata (il Governatore Emiliano gli offrì un posto alla Regione, cosa che Marzulli apprezzò molto) grazie a un nuovo provvedimento, arrivato ad agosto, che avrebbe consentito al Comandante di terminare il servizio il 31 dicembre di quest'anno e andarsene in pensione con gli onori. Il suo ultimo «lavoro» la festa di San Sebastiano di quest'anno: un evento celebrato al Petruzzelli e diventata una festa di piazza con la partecipazione di tutta la città grazie a una vera e propria kermesse ispirata ad esaltare il ruolo degli agenti municipali, primo faro di una collettività.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
L'ex sindaco di Brindisi condannato a 4 anni e 4 mesi

L'ex sindaco di Brindisi condannato a 4 anni e 4 mesi

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 
Rangers d'Italia Puglia

Rangers fermano bracconiere e vengono denunciati. Il gip: hanno agito bene

 
Concerto Vasco, sequestri e denunce nei controlli in città

Concerto Vasco, sequestri e denunce nei controlli in città

 
Vieste, uomo ucciso e un ferito a colpi di arma da fuoco

Uomo ucciso e un ferito a colpi di arma da fuoco a Vieste

 
Crac ferrovie Sud-est, chiesto rinvio a giudizio per 18

Crac ferrovie Sud-est, chiesto il rinvio a giudizio per 18 persone

 
Ilva

Ilva, Di Maio: tarantini da garantire
Arcelor: siamo pronti a iniziare

 

MEDIAGALLERY

Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 
Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

 
Le Pink Bari volano in finale per lo scudetto

La Primavera della Pink Bari vola in finale per lo scudetto

 
Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

 
Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

 
Le emozioni di Vasco:Il meglio del sold out al San Nicola di Bari

Le emozioni di Vasco: il meglio del sold out al San Nicola di Bari

 
Corri di notte con la GazzettaIl 29 c'è la Bari Night Run T-Roc

La corsa notturna Vd
della «Gazzetta»
torna la Bari Night Run

 
Corri di notte con la GazzettaIl 29 c'è la Bari Night Run T-Roc

Corri la sera con la «Gazzetta»: il 29 giugno c'è la Bari Night Run Video

 

LAGAZZETTA.TV

Italia TV
Casa abusiva abbattuta a Carmagnola

Casa abusiva abbattuta a Carmagnola

 
Calcio TV
Heysel, le storie di due superstiti Ferlat e Paradiso

Heysel, le storie di due superstiti Ferlat e Paradiso

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Mondo TV
Domenica la Turchia al voto, Erdogan cerca lo sprint

Domenica la Turchia al voto, Erdogan cerca lo sprint

 
Economia TV
'Chi sono i rider': 50% studenti,1 su 3 lavoratori

'Chi sono i rider': 50% studenti,1 su 3 lavoratori

 
Meteo TV
Previsioni meteo per mercoledi', 20 giugno 2018

Previsioni meteo per mercoledi', 20 giugno 2018

 
Spettacolo TV
La scoperta interiore di Martino

La scoperta interiore di Martino