Domenica 22 Luglio 2018 | 13:05

ambiente

Melfi, una nuova
centrale termoelettrica?
Il sindaco: non so nulla

Valvano: «Se sarà pericolosa per l'ambiente ci opporremo con vigore»

Melfi, una nuovacentrale termoelettrica?Il sindaco: non so nulla

di PINO PERCIANTE

MELFI - Nel futuro di Melfi c’è anche una centrale termoelettrica a gas, pensata nell’area industriale, dove c’era già un impianto simile che ha funzionato fino al 2014. In questi giorni, il ministero dell’Ambiente ha pubblicato l’avvio della procedura per assoggettare l’intervento a specifico procedimento di valutazione di impatto ambientale (Via). Il progetto è della Snowstorm S. r. l., una società di Bergamo, che prevede di realizzare la centrale nella zona industriale di S. Nicola, su un’ area di 250 mq, con 4 motori a combustione interna che emetteranno fumi da 4 camini alti 30 metri. Ciascuno dei 4 motori avrà una potenza di 18, 5 Mw per complessivi 74 Mw (rispetto ai 100 Mw della centrale biogas) da immettere nella rete nazionale a 150 Kv ( kilovolt).

Nello studio preliminare ambientale, redatto dall’ingegnere Sergio Iezzi, il funzionamento della centrale viene descritto «a chiamata», vale a dire l’impianto non funzionerà 24 ore su 24 ma solo in caso di emergenze sulla rete di alimentazione nazionale. Si stima che il funzionamento medio potrà essere di 5000 mila ore all’anno. Sino al 24 marzo i cittadini potranno presentare le proprie osservazioni. «Nel mix di produzione di energia elettrica del nostro Paese il peso delle fonti rinnovabili è molto alto, fattore questo che lo rende intermittente e poco prevedibile. Da qui la necessità di avere una fonte energetica di tipo tradizionale per far fronte a queste variazioni e consentire in ogni momento di mantenere il bilanciamento tra consumi e produzione, evitando scompensi sulla rete», spiega l’ingegnere Iezzi. E aggiunge: «Quando non c’è il sole o manca il vento serve avere la disponibilità di energia elettrica in fretta, ed è qui che entra in gioco una centrale come quella che si vuole realizzare a Melfi».

Il gas arriverà attraverso le condotte già esistenti nell’area industriale. Il rendimento dell’impianto toccherà il 50 per cento contro il circa 44 per cento di un impianto a carbone di ultima generazione. «In sintesi – spiega Iezzi - significa che questo impianto per produrre elettricità consuma meno, riducendo al minimo le emissioni». Inoltre, utilizza pochissima acqua, visto che il raffreddamento avviene attraverso l’aria. Cosa che permetterà di azzerare gli scarichi. «Non sapevo nulla di questo progetto, lo apprendo da voi - dice il sindaco di Melfi Livio Valvano -. In questo momento il Comune non è stato interessato, ma seguiremo la vicenda per fare in modo che non ci siano appesantimenti ambientali nel territorio di Melfi. Con i nostri esperti valuteremo il progetto e se risulterà pericoloso per l’ambiente ci opporremo con vigore, come abbiamo già fatto per l’impianto di trattamento rifiuti e per il petrolio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

 
Foggia, primo stop dal ParmaGrassadonia: difficoltà previste

Foggia, primo stop dal Parma
Grassadonia: difficoltà previste

 
Lecce, incendio fa strage di animaliin allevamento: morte oltre 400 bestie

Lecce, incendio fa strage di animali
in allevamento: morte oltre 400 bestie

 
Maturità, Puglia prima per 100 e lodeDa noi 1.066 superbravi su 6mila in Italia

Maturità, Puglia prima per 100 e lode: 1.066 superbravi su 6mila in Italia

 
Marchionne, le 3 viste a MelfiSindacati divisi sul giudizio

Marchionne, le 3 viste a Melfi
Sindacati divisi sul giudizio
Maldarizzi: conosceva a memoria i prezzi dei concorrenti

 
Ilva, Procura Taranto: rispettate40 prescrizione su 42: archiviareaccuse per commissari e tecnici

Ilva, Procura Taranto: rispettate
40 prescrizioni su 42: archiviare
accuse per commissari e tecnici

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS