Cerca

Mercoledì 21 Febbraio 2018 | 22:12

problemi a brindisi

Web in tilt, niente esami
per la patente da 10 giorni

Guasto alla rete Wind: disagi per centinaia e centinaia di utenti e Motorizzazione civile bloccata

patente

BRINDISI - Rete internet in tilt e, con il computer senza connessione ormai da dieci giorni, l’ufficio è costretto quotidianamente a rinviare a data da destinarsi (si auspica il prima possibile) tutti gli esami per la patente e tutte le operazioni di revisione dei veicoli, con annessi disagi per centinaia e centinaia di candidati e di proprietari di automobili e motociclette.

È ciò che sta avvenendo presso la sede della Motorizzazione Civile di Brindisi, il cui sistema telematico è guasto a causa di un problema legato alla rete Wind. Non avendo connessione, gli impiegati non possono accedere alla rete telematica e qualcosa come 40-45 esami per la patente (ogni giorno se ne svolgono tre serie con massimo 15 partecipanti) vengono giocoforza rinviati, al pari di altrettante revisioni di autovetture. «Non si può fare nulla - protestava ieri mattina un utente -, neanche la prenotazione. Ma si rendono conto che in questo modo provocano l’interruzione di un servizio pubblico?».

Il problema più grosso interessa coloro che devono conseguire una patente speciale e/o professionale i quali hanno evidentemente la necessità di fare subito gli esami e si trovano ora in grande difficoltà per la perdita di tempo. Inutile, tuttavia, gettare la croce addosso alla Motorizzazione Civile che, anzi, si è attivata subito informando dell’accaduto la sede centrale di Lecce e inviando informativa al Ministero: «Ci hanno mandato un tecnico - sottolinea al riguardo la dott.ssa Lobello -, ma a quanto pare non è riuscito a risolvere il problema. Il disagio non è solo dell’utenza, ma anche dei nostri impiegati, per i quali i carichi di lavoro aumentano ogni giorno che passa con internet in tilt».

Si è provato anche ad adottare una soluzione-tampone: «Abbiamo proposto alle scuole-guida - aggiunge la funzionaria - di andare a fare gli esami a Lecce, ma tutte hanno declinato l’invito per ragioni economiche. Peraltro, qui a Brindisi vengono anche da Villa Castelli, tanto per citare il paese della provincia più distante, e non si può certo imporre loro di arrivare sino al capoluogo salentino». «Ogni giorno - conclude - riprogrammiamo le date degli esami, ma l’unica soluzione è capire dov’è il problema e risolverlo quanto prima». [p. potì]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione