Cerca

Martedì 20 Febbraio 2018 | 14:55

ad 80 anni dalla scoperta

Mattarella alle grotte di Castellana
scenderà seguendo
lo stesso percorso del padre

Grotte di Castellana

BARI - Nell’80esimo anniversario della loro scoperta avvenuta nel 1938, quando lo speleologo lodigiano Franco Anelli si calò al loro interno facendo luce per la prima volta su un mondo sotterraneo di alabastro, cristalli e stalattiti che sfidano la forza di gravità, il capo dello Stato, Sergio Mattarella, visiterà domani, martedì 23 gennaio, le Grotte di Castellana: un complesso di cavità di origine carsica profondo fino a 122 metri, risalente a circa cento milioni di anni fa, e situato a un chilometro e mezzo dal centro abitato di Castellana Grotte (Bari).

Il capo dello Stato visiterà la Caverna dei Monumenti, di cui si narra che la lampada di Anelli non riuscisse a illuminarne tutta l’ampia superficie; e la Grave, la prima e più vasta caverna del sistema con una lunghezza di 100 metri e una larghezza di 50: un pantheon naturale nella cui volta si apre un lucernario circondato da una corona di lecci. Mattarella scenderà a una profondità di circa 60 metri, percorrendo un tragitto molto simile a quello che seguì suo padre Bernardo il quale, nel 1958, fece visita alle Grotte nei panni di ministro.

Il 25 settembre del 1951, invece, fu l’allora presidente della Repubblica, Luigi Einaudi, ad affacciarsi sulla bocca della Grave senza scendere in profondità. Einaudi era claudicante e la grotta fu illuminata per consentirgli di vederla dall’esterno.
Proprio questa grotta, l’unica con un contatto in superficie, è stata a lungo al centro della leggenda secondo cui all’imbrunire era possibile vedere le anime, di chi si era suicidato al suo interno, cercare di uscire dall’imbocco della Grave insieme ai pipistrelli. Questi ultimi, infatti, sono gli animali più presenti nelle Grotte dove ne vivono cinque specie.
Molto diffuso è anche l’ortottero 'Troglophilus Andreinii', una cavalletta cavernicola che si può avere la fortuna di incontrare durante le visite.

Fino ad oggi le Grotte hanno stregato circa 15 milioni di visitatori da tutto il mondo che hanno partecipato alle escursioni guidate lungo un percorso di 3,3 chilometri puntellato da colonne, preziosi cristalli, fossili, colate e cortine dovute allo scorrimento dell’acqua, stalagmiti e stalattiti che assumono forme eccentriche, anche a semicerchio, dando vita a un paesaggio, fiabesco e lunare, che affascina adulti e bambini accogliendoli in un clima tra i 16 e i 18 gradi.
I nomi degli ambienti che si attraversano sono frutto della fantasia dei primi esploratori: la Lupa, la Civetta, la Madonnina, l’Altare, il Precipizio, la Colonna Rovesciata, il Corridoio Rosso e la Cupola. E poi c'è la Grotta Bianca, l'ultima e la più splendente, che fu scoperta intorno al 1940 dal coraggioso operaio castellanese Vito Matarrese il quale, dopo la partenza di Anelli, superò la voragine del Corridoio del Deserto, aprendo le porte alla luce dell’alabastro.

Anche il cinema si è fatto conquistare dalle Grotte che sono diventate il set di otto lungometraggi, tra cui 'Ercole al centro della Terra' di Mario Bava e Franco Prosperi; 'Maciste all’Inferno' di Riccardo Freda; 'Casanova 70' di Mario Monicelli, 'Alien 2 sulla Terra' di Sam Cromwell, e 'Il viaggio della sposa' di Sergio Rubini.
Ad oggi, comunque, le Grotte non hanno svelato tutti i loro segreti. Alcuni studi, infatti, hanno evidenziato che esistono diversi metri di terra sotto il punto di massima profondità finora raggiunto. Nuove caverne, dunque, potrebbero ancora nascondersi nel sottosuolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione