Cerca

Domenica 18 Febbraio 2018 | 23:12

martedì il falò

La grande Fòcara
nel canto mattutino
di uomini e donne

focara di novoli

di DINO LEVANTE

Il falò di Novoli è pronto, realizzato abilmente con migliaia di fascine di sarmente (tralci di vite raccolti in fascine). Alla sua elevazione ieri in piazza Tito Schipa con i volontari del Comitato Festa ha collaborato per il terzo anno la squadra delle «Donne della Fòcara» (una ventina), armate di guanti e tanta passione. A ravvivare ancor più la giornata i canti popolari di chi costruiva la grande pira, da «Fratelli d’Italia» di Mameli alla versione adattata al momento degli inni rossoblù della locale squadra di calcio.

Continuano, intanto, le manifestazioni collaterali, in attesa del sospirato evento dell’accensione in programma martedì sera, al termine della processione (intorno alle 20).

Tre i nuovi appuntamenti, in tre sedi diverse, che vanno ad aggiungersi alle mostre e alle altre iniziative già in corso nel paese.

Le opportunità del turismo locale saranno al centro dell’incontro in programma stasera, alle 17, nello spazio Fòcara della tensostruttura (via Salice). Nel corso del convegno «Turismo rurale responsabile e sostenibile per la valorizzazione culturale dei luoghi e delle tradizioni» verrà presentato il Piano d’azione locale 2014-2020 Gal Valle della Cupa. Sarà l’occasione per illustrare le opportunità e le risorse a disposizione previste per interventi di accessibilità e riqualificazione fisica per migliorare la fruizione, a fini turistici, del patrimonio culturale e archeologico dell’area; per lo sviluppo, la messa in rete e il miglioramento degli itinerari naturalistici ed enogastronomici. All’iniziativa prenderanno parte il sindaco e presidente della Fondazione Fòcara Gianmaria Greco, il presidente del Gal Valle della Cupa Giuseppe Taurino, l’assessore comunale alle attività produttive Chiara Madaro, il presidente del consiglio comunale Gianni De Luca e il direttore del Gal Valle della Cupa, Antonio Perrone; modera Alessandro Capodieci.

Secondo impegno, alle 18, nel Palazzo Baronale (piazza Regina Margherita), sarà presentata la nuova edizione del volume di Gilberto Spagnolo «Il fuoco sacro. Tradizione e culto di Sant’Antonio Abate a Novoli e nel Salento» (Fondazione Fòcara, 200 pagine). Con l’autore dialogherà il saggista Mario Cazzato, esperto bibliofilo della «Libreria del Sole» di Lecce. Il libro, dopo la prima edizione del 1998 e la ristampa del 2004, si è arricchito di nuove foto d’epoca e si presenta come un interessante viaggio all’interno delle origini e dei riti di una delle manifestazioni religiose più note e più seguite in Puglia. Una ricerca che svela interessanti aspetti inediti su ciò che ruota intorno ai festeggiamenti del patrono Sant’Antonio Abate.

Infine, alle 20, nel Teatro Comunale (piazza Regina Margherita), premiazione dei partecipanti alla Seconda edizione del concorso «Sant’Antonio Abate e le nostre tradizioni», riservato alle classi IV e V della scuola primaria dell’Istituto comprensivo novolese. Diviso in tre sezioni (elaborati in dialetto; contributi grafico-pittorici; i «nonni raccontano»), permette ai giovani allievi di conoscere e approfondire il culto del santo e la tradizione della Fòcara attraverso differenti studi e modalità di ricerca. I lavori, eseguiti grazie anche alla collaborazione delle parrocchie novolesi, saranno esposti in un apposito stand. «Donando spazio al dialetto locale - afferma il dirigente scolastico Spagnolo - gli studenti riscoprono non solo le usanze ancora vive, ma anche quelle perdute, l’amore verso gli usi e i costumi locali e al tempo stesso si rafforza il rapporto tra nuove e vecchie generazioni».

Anche quest’anno è assicurato il collegamento in diretta martedì 16 gennaio (inizio alle 19.45) su TgNorba, TeleNorba e su Sky Canale 510.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione