Domenica 24 Giugno 2018 | 05:46

Due casi a Monopoli e Scorrano

Cannabis a scopo terapeutico
«No», «Decido io»: caos in Puglia

Polemiche dopo le posizioni di due medici (uno spiega alla Gazzetta la sua posizione) degli ambulatori Asl nelle province di Bari e Lecce

Cannabis a scopo terapeutico«No», «Decido io»: caos in Puglia

EUSTACHIO CAZZORLA

Il medico della Asl non prescrive la cannabis naturale a chi non si fa visitare. E il cartello galeotto finisce in «rete». Il messaggio sibillino viene rilanciato dal popolo del web che coglie l’occasione per esporre il proprio disappunto e per ribadire la necessità di prescrivere la cannabis. I cannabinoidi, sotto le nuove vesti di un farmaco risolvono problemi di dolore e di spasticità e con un «ma»: serve una visita e uno screening medico di uno specialista abilitato. Il caso è stato sollevato «involontariamente» dal dottor Angelo Schiavone che ha scritto il cartello così tanto incriminato, a seguito di un intenso «confronto verbale, diciamo uno scambio di vedute» riferisce in esclusiva alla “Gazzetta”.

Il paziente è entrato venerdì scorso, intorno alle 11, nell’ambulatorio della Asl del day hospital San Camillo di viale Aldo Moro. Sembra chiedesse con insistenza la prescrizione di cannabis naturale senza sottoporsi a visita medica. E così il professionista della Asl, ha pensato di essere più convincente apponendo, sulla porta dell’ambulatorio dove presta servizio, un cartello con su scritto a chiare lettere «Si comunica che il dott. Angelo Schiavone non è prescrittore di cannabis». Volendo dire, medico ma non pusher.

Ma è bastato postare sui social la foto del cartello per scatenare la risposta della «rete». L’iniziativa è stata di Andrea Trisciuoglio, 39 anni, di Foggia, affetto purtroppo da una malattia invalidante che dal 2007 ha cominciato a curare con successo assumendo cannabis. Ha così messo da parte le terapie tradizionali (chemioterapici, immunosoppressori, miorilassanti) e dal 2009 riferisce che in Italia è arrivato un farmaco a base di marijuana, Bedrocan, importato a caro prezzo dall’Olanda. Il signor Andrea si è ritrovato a fondare nel 2013 nel Salento a Racale, la «LapianTiamo», un’associazione non-profit nata per «un aiuto reciproco tra i malati» spiega Andrea «lo dicevamo fieramente questo è il nostro motto».
E poi «sulla cannabis terapeutica abbiamo due vie o la coltiviamo o la prendiamo in ospedale. È chiaro che la prima via non è praticabile per problemi legali. Ho scritto una lettera a tutti i direttori dell’Asl di Puglia, non è per un capriccio ma per una scelta di logica. Non è disobbedienza civile. La scelta ovvia è quella, vi prego, di non lasciare mai più scoperto il malato dal farmaco. Sono un Radicale e a volte faccio come Marco Pannella, degli scioperi non della fame, però, ma del farmaco che è una cosa indispensabile per il mio corpo».

Fin qui le ragioni di Triscuoglio e di chi propende per l’uso terapeutico della cannabis e che ha cavalcato l’onda di protesta del web su quel cartello, ora rimosso, su cui il dottore Schiavone ha ben spiegato le sue ragioni. Tra i post in rassegna anche quello del Commissario straordinario dell’Agenzia Regionale Sanitaria della Puglia, Giovanni Gorgoni, che chiede lumi su dove fosse accaduto l’episodio. Il medico è stato evidentemente messo sotto pressione dal paziente e spiega «la cannabis terapeutica è un farmaco come tutti gli altri e va prescritto quando ci sono le indicazioni prescritte dalla legge e soprattutto solo di fronte a una patologia. Si è trattato di un fatto estemporaneo legato solo a quel paziente» e chiarisce «non c’è un diniego alla prescrizione della cannabis. Quell’uomo era nella lista dei prenotati. La cannabis seppur con effetti terapeutici ha anche effetti collaterali allucinogeni e allergenici di varia natura. Come un qualsiasi farmaco ha indicazioni e controindicazioni. Per questo va prescritta dopo una visita medica in presenza di determinate patologie, neoplasie e altre situazioni in cui è prescrivibile». Serve un piano terapeutico e il farmaco-cannabis viene erogato dalla farmacia ospedaliera del San paolo (ex Cutugno).

I pazienti si lamentano, i medici sembrano essere sotto pressione soprattutto per richieste da parte di pazienti poco collaborativi visto anche a Scorrano è stato divulgato un altro cartello simile ma questa volta con il timbro della Asl di Lecce «THC terapeutica solo dopo aver testato altri presidi analgesici».

----

Altro caso a Scorrano: Intanto a Scorrano (Asl Lecce), presso l'ambulatorio delle cure palliative nel Leccese, un altro biglietto affisso dal medico suscita polemica: «Si comunica ai pazienti che l'eventuale utilizzo di THC a scopo terapeutico avrà luogo SOLAMENTE dopo aver testato tutti gli altri presidi analgesici e a totale discrezione del medico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Turisti svedesi salvati dal bagnino a Peschici, Guardia Costiera li recupera tutti

Turisti svedesi salvati dal bagnino a Peschici, Guardia Costiera li recupera tutti

 
Auto del sindaco in fiamme: 26enne si costituisce

Auto del sindaco in fiamme: 26enne si costituisce

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Il nuovo ospedale di Andria avrà 400 posti letto

Il nuovo ospedale di Andria avrà 400 posti letto

 
Inaugurato a Grottaglie il Parco della Civiltà

Inaugurato a Grottaglie il Parco della Civiltà

 

I ballottaggi negli undici Comuni pugliesi

 
Foggia, la Procura federale chiede la retrocessione del club in serie C

Foggia, la Procura federale chiede la retrocessione del club in serie C

 

MEDIAGALLERY

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 19

Ansatg delle ore 19

 
Economia TV
Incubo 'hard Brexit' a 2 anni dal voto, Airbus se ne va?

Incubo 'hard Brexit' a 2 anni dal voto, Airbus se ne va?

 
Mondo TV
Test sull'uomo dei farmaci viventi

Test sull'uomo dei farmaci viventi

 
Italia TV
Social network nemici del cervello

Social network nemici del cervello

 
Spettacolo TV
Uragano e pallottole in Alabama

Uragano e pallottole in Alabama

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea

 
Calcio TV
Messi male, e la papera Caballero

Messi male, e la papera Caballero