Giovedì 21 Giugno 2018 | 12:27

storia a taranto

Allevava cozze in Mar Piccolo
«Rovinato dal trasferimento
in Mar Grande, chiedo aiuto»

allevamento cozze

TARANTO - A causa della contaminazione nelle cozze da diossina e pcb nel primo seno del Mar Piccolo di Taranto, ha subito la distruzione di tutti i mitili della sua azienda allevati nel 2011, 2012 e 2013 e ha dovuto trasferire l'allevamento in Mar Grande, ma ha perso il lavoro e la sua casa è stata pignorata. Ora Luciano Carriero, mitilicoltore che lavorava in Mar Piccolo da quando aveva dieci anni ed usciva in mare insieme a suo padre, rivolge un appello - tramite l'associazione Peacelink - al sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e al governatore pugliese Michele Emiliano.
«Cari amministratori, la mia unica richiesta - sottolinea - è quella di tornare a lavorare come produttore, come allevatore di cozze. Vi prego di mettermi in condizioni per poterlo fare, ascoltatemi, datemi la possibilità di pagare le rate del prestito e scongiurare la vendita della mia casa. Voglio tornare a guardare mia moglie e i miei figli con serenità ma non posso farlo perché tra qualche settimana rischio di ritrovarmi per strada senza un tetto». I controlli furono eseguiti dopo la denuncia degli ambientalisti che riguardava le emissioni inquinanti dell’Ilva.

Carriero ricorda che per rinnovare gli impianti per l’allevamento delle cozze nel primo seno del Mar Piccolo nel 2009 chiese un finanziamento ponendo a garanzia di questo i suoi beni.
«L'attività della mia azienda - spiega - andava molto bene: produceva 700 tonnellate di cozze all’anno e dava lavoro a 15 operai. Dal 2011, con il rilevamento dei valori oltre i limite di legge di diossina e Pcb, è iniziato il declino del nostro settore». Per ordinanza della Asl, racconta il mitilicoltore, "dovette andare al macero tutto il prodotto perché risultato contaminato. Spostai quindi la mia attività in Mar Grande ma in questo caso, nonostante in quelle acque non sussisteva la problematica inquinamento, mentre in Mar Piccolo mi ha sconfitto la diossina in Mar Grande mi ha sconfitto la burocrazia. Anche la produzione del 2014 andò persa nonostante fosse controllato e sano, perché mancava la completa classificazione delle acque e non fu autorizzata la vendita».
L’imprenditore fu costretto a licenziare gli operai e a non rinnovare le concessioni che scadevano a dicembre del 2015. «Sono stato onesto, ho voluto rispettare - conclude Carriero rivolgendosi a Melucci ed Emiliano - tutte le regole imposte dalla Asl, dal Comune, dalla Regione, ma ciò non è stato fruttuoso. Ho agito nella legalità, mentre i miei impianti lasciati nel primo seno del Mar Piccolo sono stati occupati dagli abusivi. Vi prego di ascoltare il mio appello perché ciò non significa aiutare solo Luciano Carriero ma soprattutto riprogettare il futuro del mestiere più antico e nobile della nostra amata città».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Lecce, «E' vero che sei gay ?»Prof aggredito da studenti

Lecce, «E' vero che sei gay ?»
Prof aggredito da studenti

 
Sulla stazione centrale di BariIl benvenuto a Papa Francesco

Sulla stazione centrale di Bari
Il benvenuto a Papa Francesco

 
Sequestrati beni 1,5mln euro a presunti affiliati Scu in Salento

Sequestrati beni 1,5mln euro
a presunti affiliati Scu in Salento

 
Giannini, un'altra accusa «Favori per un asilo nido»

«Voli civili dall’aeroporto di Grottaglie
Sì, ma solo con investimenti privati»

 
Precari Regione, Consulta boccia«esterni», ma salva gli «interni»

Puglia, quei vitalizi d’oro
per sei ex parlamentari

 
Lecce, acquisito Riccardi a titolo definitivo

Lecce, acquisito Riccardi a titolo definitivo

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 

MEDIAGALLERY

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 
Mancini a Matera: «Il Brasile vincerà il Mondiale»

Mancini a Matera: «Nel 2019 l'Italia qui per giocare una partita»

 
Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

Decaro a Santa Scolastica: «Entro la fine dell'estate riapriamo il museo»

 
Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

Una «bottega solidale» frutto d'impegno di 20 ragazzi disabili

 
Le Pink Bari volano in finale per lo scudetto

La Primavera della Pink Bari vola in finale per lo scudetto

 
Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

Il blitz dei Carabinieri a Bari con oltre 100 arresti

 
Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

Mondiali robotica, il video spot dei 5 piccoli geni baresi per andare in Canada

 

LAGAZZETTA.TV

Italia TV
Linea dura Conte-Salvini su migranti

Linea dura Conte-Salvini su migranti

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Mondo TV
Democrazia in declino in 24 Paesi

Democrazia in declino in 24 Paesi

 
Meteo TV
Previsioni meteo per venerdi', 22 giugno 2018

Previsioni meteo per venerdi', 22 giugno 2018

 
Spettacolo TV
Una vita spericolata, diventare criminali per caso

Una vita spericolata, diventare criminali per caso

 
Calcio TV
Uruguay agli ottavi, Arabia fuori

Uruguay agli ottavi, Arabia fuori

 
Economia TV
Ecobonus, famiglie italiane hanno investito 3,7 miliardi

Ecobonus, famiglie italiane hanno investito 3,7 miliardi