Cerca

Venerdì 20 Aprile 2018 | 11:06

collegamenti in basilicata

Nerico-Muro, la strada della vergogna
costata 330 milioni di euro

il simbolo del terremoto '80 Progettata 40 anni fa e non ancora completa. È stata presa in carico dall'Anas

strada Nerico Muro

di GHERARDA CERONE

MURO LUCANO - Nel periodo immediatamente successivo al terremoto del 1980, il Governo decise di dare il via ai lavori per la costruzione di una strada che servisse a collegare le aree industriali di Basilicata e Campania, si tratta della «Nerico-Muro Lucano». Dalla prima ipotesi di progetto ad oggi si sono susseguiti annunci e proclami oltre ad una serie di tentativi di consegna che dopo quasi quarant’anni non hanno portato ad alcun risultato, «solo» una spesa complessiva di 330 milioni di euro. Il sindaco di Rapone, Felicetta Lorenzo, ha sottolineato la vitale importanza di questa strada. «Un’arteria strategica che consentirebbe l’ampliamento del concetto di territorio favorendone lo sviluppo. I Comuni del Marmo Platano sono idealmente vicini al Comune di Rapone - ha aggiunto il sindaco - ma raggiungerli non è affatto agevole. Questo comporta una serie di disagi e difficoltà. Rapone è in sofferenza per quanto riguarda la scuola per cui si è costretti ad andare in associazione con il Comune di Ruvo Del Monte».
Aprendo al transito la «Nerico-Muro Lucano» queste problematiche non esisterebbero. Il sindaco ha poi precisato che questa strada ha delle bretelle aperte come la 219 che consente ai cittadini di Rapone di raggiungere Pescopagano in tempi molto brevi. Questo ha consentito che la piscina di Pescopagano diventasse l’impianto di un intero territorio. L’apertura della Nerico-Muro Lucano agevolerebbe una serie di servizi utili per i cittadini. Si tratta di una vicenda che va avanti da anni e che ha visto il sindaco Lorenzo insieme a diversi primi cittadini dell’area impegnarsi attivamente per consentirne l’apertura.

Alla statalizzazione della strada hanno fatto seguito una serie di passaggi ed interlocuzioni, si era pensato ad una consegna dell’arteria alla Provincia che ha rifiutato. Il sindaco Lorenzo ritiene inaccettabile il diniego della Provincia e lo dice anche a nome di tutti i cittadini che per ragioni burocratiche non possono percorrere una strada ormai pronta. Dello stesso avviso è il primo cittadino di Castelgrande, Domenico Muro che parla di uno sforzo maggiore che avrebbe dovuto fare la Provincia nel prendere in consegna la strada. L’assessore regionale alle Infrastrutture Nicola Benedetto tiene a precisare che la strada è pronta e che qualcuno dovrà pure gestirla. Si dice rammaricato dinanzi al rifiuto della Provincia nella persona del Presidente Nicola Valluzzi. L’ultimo tavolo interistituzionale tenutosi in Regione ha pertanto consegnato la strada ad Anas. Benedetto non dà alcuna data sul taglio del nastro, si augura che ciò avvenga il prima possibile.

Tanto attesa e sperata l’apertura soprattutto da tutti i pendolari e lavoratori della Fiat di Melfi che sono costretti ad orari massacranti. Indignati e delusi molti di loro che erano bambini quando venne progettata la strada. I tempi di percorrenza verso il Potentino con quest’arteria sarebbero ridotti sensibilmente. Sarebbe stato un magnifico regalo di Natale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Tentativo di omicidio fermate due persone

Tentativo di omicidio
fermate due persone

 
Nello zaino per la scuola 39 g. di marijuana, arrestata 16enne

Nello zaino per la scuola 39 g.
di marijuana, arrestata 16enne

 
Papa Francesco

Papa Francesco giunto a Molfetta
2a tappa su luoghi di don Tonino Bello

 
Assalto al caveau in Calabriapolizia arresta componenti banda

Assalto al caveau in Calabria
polizia arresta componenti banda

 
Call center, azienda avvisa con Sms: «non sarete pagati»

Call center, azienda avvisa
con Sms: «non sarete pagati»

 
Tempa rossa Taranto

Tempa rossa, firmato accordo
tra Comune di Taranto e imprese

 
Brindisi, un morto in scontro tra auto: conducente arrestato

Brindisi, un morto in scontro
tra auto: conducente arrestato

 
Venduta la Sangalli vetroacquistata da multinazionale turca

Venduta la Sangalli vetro
acquistata da società turca

 

MEDIAGALLERY

Papa Francesco

Papa Francesco giunto a Molfetta
2a tappa su luoghi di don Tonino Bello

 
Bradanica, dopo 50 anniaperti i primi 8 chilometri

Bradanica, dopo 50 anni
aperti i primi 8 chilometri

 
Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

 
Tentata estorsione, fermati  avvocato e maresciallo Gdf

Tentata estorsione, fermati
avvocato e maresciallo Gdf

 
Tre arresti nel Foggianoper una serie di rapine e furti

Tre arresti nel Foggiano
per una serie di rapine e furti

 
Rapina ed estorsione ad Andria arrestati minori di 16 e 17 anni

Rapina ed estorsione ad Andria, arrestati minori di 16 e 17 anni

 
Barletta, in giro uomo armato di pistola

Barletta, in giro uomo armato di pistola

 

LAGAZZETTA.TV

Economia TV
Lagarde: in arrivo nubi sull'economia

Lagarde: in arrivo nubi sull'economia

 
Italia TV
Presa la banda dell'assalto al caveau

Presa la banda dell'assalto al caveau

 
Meteo TV
Previsioni meteo per sabato, 21 aprile 2018

Previsioni meteo per sabato, 21 aprile 2018

 
Spettacolo TV
Cannes 'perdona' von Trier

Cannes 'perdona' von Trier

 
Mondo TV
Movimento punk finanziato da ex Urss, ma e' fake

Movimento punk finanziato da ex Urss, ma e' fake

 
Sport TV
Motogp, oggi le libere ad Austin

Motogp, oggi le libere ad Austin

 
Notiziari TV
ANSAtg delle ore 8

ANSAtg delle ore 8

 
Calcio TV
E Simy fa Ronaldo

E Simy fa Ronaldo