Mercoledì 18 Luglio 2018 | 11:06

processo a 47 persone e 10 società

Inchiesta petrolio a Potenza
ammesse 400 parti civili

Inchiesta petrolio a Potenza  ammesse 400 parti civili

POTENZA - Sono circa 400, complessivamente, le parti civili ammesse nel processo sulle estrazioni petrolifere in Basilicata - che vede imputate 47 persone e dieci società, tra cui l’Eni: lo ha deciso il Tribunale di Potenza, nel corso dell’udienza che si è svolta oggi, respingendo un centinaio di richieste, tra cui alcune nei confronti delle società imputate.

Nel corso dell’udienza, inoltre, i pm Francesco Basentini e Laura Triassi hanno annunciato il deposito di una nota dei Carabinieri del Noe relativa ai recenti controlli dell’Arpab sulla presenza di ammine nella zona delle estrazioni. I magistrati hanno messo a disposizione delle parti gli atti, in vista della prossima udienza del 12 febbraio 2018. Un gruppo di ambientalisti e rappresentanti di alcuni movimenti hanno organizzato anche un presidio, davanti alla sede del Palazzo di Giustizia di Potenza, per chiedere «giustizia e verità» sulle estrazioni petrolifere in Basilicata.

I pm Francesco Basentini e Laura Triassi, nel corso dell’udienza di oggi del processo sulle estrazioni petrolifere in Basilicata - che vede imputate 47 persone e dieci società, tra cui l’Eni - hanno annunciato il deposito degli atti del fascicolo sul suicidio dell’ingegnere Gianluca Griffa, ex responsabile del Centro oli (Cova) di Viggiano, morto ad agosto del 2013 in Piemonte.
Nel fascicolo sono contenuti documenti «particolarmente interessanti», secondo i pm, in cui sarebbero stati descritti tra il 2011 e il 2013 alcuni dei problemi dell’impianto, emersi poi nell’inchiesta della Procura di Potenza del 2016.

Griffa si suicidò a 38 anni a Montà d’Alba (Cuneo): il corpo fu ritrovato ad agosto, in forte stato di decomposizione, ai piedi di un traliccio, molte settimane dopo la scomparsa denunciata il 26 luglio 2013. Durante il periodo delle ricerche fu scoperto un memoriale in cui l’ingegnere spiegava dettagliatamente alcuni particolari sul Centro Olio - che sarebbero in parte emersi poi nell’inchiesta della Procura di Potenza - chiedendo anche di inviare questi documenti ai Carabinieri di Viggiano e all’Unmig «se mi dovesse accadere qualcosa», scrive lo stesso ingegnere nel suo memoriale.

I magistrati lucani hanno portato alla luce la vicenda esaminando la lista delle persone che hanno lavorato a Viggiano, scoprendo il suicidio di Griffa (l'uomo si tolse la vita - secondo quanto accertato dalle indagini dei carabinieri - per motivi personali, legati ad una forte depressione) e i molti documenti lasciati dall’ingegnere. Griffa spiega di aver comunicato tutto all’Eni: «Mi stato imposto di tacere», evidenzia l’ex responsabile del Cova nel memoriale. Alcuni di questi documenti erano custoditi nella sua abitazione, altri sono stati trovati grazie a un sms che lo stesso Griffa inviò a un suo vecchio numero, letto poi da un familiare che lo segnalò agli investigatori. I Carabinieri nel 2013 acquisirono anche altri documenti dal pc e dal tablet di Griffa, in cui sarebbero contenute, secondo quanto si è appreso, altre descrizioni tecniche sull'uso di ammine.

Un «indizio», questo, emerso solo nel 2016 nelle indagini dei pm potentini su un presunto smaltimento illecito degli scarti di produzione della lavorazione del greggio. Griffa raccolse molti documenti e conservò un carteggio con la compagnia petrolifera su questi temi (conservato nel fascicolo inviato a Potenza solo nelle scorse settimane) e alcune fatture sull'acquisto di "glicole», un particolare tipo di ammine. L’ingegnere ipotizzava poi la possibilità che queste ammine potessero essere una delle cause della corrosione dei serbatoi del Centro Oli: nei mesi scorsi furono scoperti alcune perdite in due serbatoi della struttura, con una fuoriuscita di petrolio nell’area che poi portò la Regione a deliberare la sospensione temporanea delle attività del Cova. L’acquisizione di questi documenti sarà decisa nella prossima udienza, in programma il 12 febbraio 2018.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Ilva, la cordata Acciaitalia pronta a rilanciare l’offerta

Ilva, la cordata Acciaitalia pronta a rilanciare l’offerta. Di Maio: in corso analisi controproposta Am

 
Brindisi, omicidio Di Coste, il pm chiede l'ergastolo: assolti due fratelli

Brindisi, omicidio Di Coste, il pm
chiede l'ergastolo: assolti due fratelli

 
Furti in appartamento, spaccio e armi: 15 arresti nel Brindisino

Furti in appartamento, spaccio
e armi: 15 arresti nel Brindisino

 
Palo, 40enne si barrica in casa con fucile: Carabinieri sul posto

Palo, 40enne si barrica in casa con fucile scarico, irruzione dei Cc. «Voleva farsi ammazzare»

 
Presentata a Bari 20/ma edizione festa cipolla di Acquaviva

Presentata a Bari 20/ma edizione festa cipolla di Acquaviva

 
Sanità lucana, Pittella al RiesameAsl Bari, Emiliano: verso nuovo dg

Sanità lucana, Pittella al Riesame
Asl Bari, Emiliano: verso nuovo dg

 
Parroco si tuffa in mare ad Ostuni e muore annegato

Parroco si tuffa in mare
ad Ostuni e muore annegato

 

GDM.TV

Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 
Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

 

PHOTONEWS