Giovedì 19 Luglio 2018 | 06:06

L'annuncio del Vaticano

Il Papa in Puglia il 17 marzo
Andrà a S. Giovanni Rotondo

Bergoglio andrà prima a Pietrelcina poi a San Giovanni Rotondo in occasione del 50.mo anniversario della morte di San Pio

Il Papa in Puglia il 17 marzoAndrà a S. Giovanni Rotondo

Sabato 17 marzo 2018 Papa Francesco sì recherà in visita pastorale a Pietrelcina, nella Diocesi di Benevento, nel Centenario dell’apparizione delle stimmate di San Pio da Pietrelcina, e a San Giovanni Rotondo, nella Diocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, nel 50.mo anniversario della morte di San Pio. Lo riferisce il direttore della sala stampa vaticana Greg
Burke.

Secondo il programma comunicato dalla sala stampa vaticana, il 17 marzo Papa Francesco lascerà l’eliporto vaticano alle 7 per arrivare a Pietrelcina alle 8. Qui sarà accolto dall’arcivescovo di Benevento, mons. Felice Accrocca, e dal sindaco di Pietrelcina Domenico Masone. Quindi il pontefice sosterà in preghiera alla Cappella delle Stimmate. Sul piazzale della Chiesa ci sarà l'incontro con i fedeli, poi il pontefice vedrà la comunità dei Cappuccini.

Alle 9 il decollo dell’elicottero verso San Giovanni Rotondo dove il Papa arriverà alle 9.30. Qui il Santo Padre sarà accolto da mons. Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e da Costanzo Cascavilla, Sindaco di San Giovanni Rotondo. Quindi Bergoglio visterà il reparto di pediatria oncologica. La messa si terrà alle 11. Infine, dopo aver salutato la Comunità dei Cappuccini, Papa Francesco lascerà San Giovanni Rotondo alle 12.45 per arrivare all’eliporto del Vaticano alle 13.45.

EMILIANO: IMMENSA GIOIA - La visita di Papa Francesco a San Giovanni Rotondo, il prossimo 17 marzo, è «una notizia che ci riempie di gioia». Lo dichiara il governatore della Puglia, Michele Emiliano. «C'è un sentimento forte che lega la nostra regione a Papa Francesco - aggiunge - che si esprime negli ideali di giustizia sociale, uguaglianza, accoglienza, amore e rispetto per la vita e per il creato. Papa Francesco è un punto di riferimento per la comunità, l’emozione di poterlo ricevere qui in Puglia ha per moltissimi di noi un significato grande e profondo». 

«VISITA IN OSPEDALE E' UN SOGNO PER I BIMBI» - «E' un’occasione d’oro che i bambini aspettavano con ansia. Un sogno che sembrava impossibile e che, invece, si realizza». A dichiararlo è Lucia Miglionico, responsabile del reparto di Oncoematologia pedriatica della Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, che il 17 marzo del 2018 sarà visitato da papa Francesco in occasione del 50esimo anniversario della morte di San Pio da Pietrelcina. Il pontefice si recherà in visita pastorale sia a Pietrelcina, diocesi di Benevento, nel Centenario dell’apparizione delle stimmate di San Pio, sia a San Giovanni Rotondo, diocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo.
«I bambini - prosegue Miglionico - aspettavano con ansia la notizia della visita del santo padre. E la gioia più grande è che papa Francesco sarà in mezzo ai bambini. Oggi in reparto c'è stato lo scambio di auguri e i bambini hanno fatto uno spettacolo, poi il vescovo, mons. Castoro, ha dato loro la bella notizia. C'è stato qualche attimo di incredulità e di sorpresa. Qualcuno ha chiesto se veniva proprio il Papa in carne ed ossa e quando hanno avuto conferma di ciò, hanno esultato».
I bambini, ha riferito la responsabile del reparto, prepareranno uno spettacolo in onore del Papa. «Hanno detto di voler realizzare qualcosa di speciale anche perché c'è la concomitanza con la festa del papà. Siamo contenti - ha concluso Miglionico - anche perché la notizia ci ha colti di sorpresa. E' veramente un giorno di grande gioia». 

VISITA DECISA IN POCHI MESI - «Terminato l'anno della Misericordia, ci siamo decisi, assieme a Fra Maurizio, provinciale dei Frati Minori Cappuccini, e al direttore di Casa Sollievo, Domenico Crupi, a scrivere una lettera di invito al Papa. Dopo appena una settimana la Segreteria di Stato ci ha comunicato l’accettazione dell’invito e l’altro ieri abbiamo ricevuto la comunicazione ufficiale con la data del suo arrivo». Così mons. Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e presidente di Casa Sollievo della Sofferenza, spiega come si è arrivati alla decisione di Papa Francesco di compiere una breve visita a Pietrelcina e San Giovanni Rotondo il prossimo 17 marzo.

La notizia dell’arrivo del Pontefice è stato dato stamani da mons. Castoro ai dipendenti dell’ospedale, riuniti per il tradizionale scambio di auguri. A San Giovanni Rotondo, tra le altre cose, dopo la celebrazione della messa il Papa incontrerà la Fraternità Cappuccina e si raccoglierà in preghiera davanti alle reliquie di san Pio. «Tutto è iniziato il 6 febbraio del 2016 - ha spiegato l’arcivescovo - quando, al termine dell’udienza giubilare in Piazza San Pietro, Papa Francesco si rivolse così ai fedeli di San Giovanni Rotondo che acclamavano il suo arrivo sul Gargano: «Chiunque venga nella vostra bella terra, e io ho voglia di andarci, possa trovare anche in voi un riflesso della luce del cielo».
«Presto - ha detto stamani mons. Castoro - scriverò al Papa per ringraziarlo e fargli gli auguri di Natale, e porterò il saluto e la gioia di tutta Casa Sollievo, dei Frati Minori Cappuccini, della Città di San Giovanni Rotondo, ma soprattutto gli dirò che ci prepareremo nel modo migliore alla sua venuta». "Quello che ci deve impegnare adesso - ha spiegato il provinciale dei Cappuccini, fra Maurizio Placentino - è far sì che il Papa trovi una grande famiglia, un’unica famiglia, la famiglia di Padre Pio. Il nostro impegno sarà quello di accogliere il Santo Padre come lo avrebbe accolto Padre Pio, come figlio obbediente e devoto. Accogliamo il Santo Padre come portatore di Cristo, come colui che ci porta il messaggio di pace e di speranza che il Natale ci ricorda».
Nei prossimi giorni un comitato composto da diocesi, Casa Sollievo, Frati Cappuccini e Comune di San Giovanni Rotondo darà il via all’organizzazione dell’accoglienza di Papa Francesco. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Da oggi la Fibronit non c'è più: demoliti gli ultimi muri

La Fibronit non c'è più: demoliti gli ultimi edifici

 
Torre Panoramica

Bari, in arrivo una torre panoramica alta 75 metri

 
Battiti Live

Battiti Live, gran finale a Bari il 29 Gazzetta porta 10 di voi nel backstage

 
Politecnico di Bari da record: «90% dei laureati lavora dopo 3 anni»

Politecnico di Bari da record: «90% dei laureati trova lavoro dopo 3 anni»

 
Bari, gli ultras organizzano una festa a Pane e Pomodoro: «È ora di mettere un punto e ripartire»

Bari, gli ultras organizzano una festa a Pane e Pomodoro: «È ora di mettere un punto e ripartire»

 
Palagiustizia

Palagiustizia Bari, le due nuove sedi pronte entro un mese

 
Tap, Mattarella: «Impegno a andare avanti»

Tap, Mattarella rassicura l'Azerbaijan: «Andremo avanti»

 
Antonio Albanese

Baricalcio, l’imprenditore Albanese: «Io contattato da Giannini»

 

GDM.TV

Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 

PHOTONEWS