Cerca

Mercoledì 17 Gennaio 2018 | 21:12

l'inchiesta

Indagine Deutsche Bank
trasferita da Trani a Milano

Deutsche Bank

MILANO - L’inchiesta a carico di Deutsche Bank e dei suoi ex vertici è stata trasferita per competenza dalla magistratura di Trani a quella milanese circa due settimane fa. Lo hanno riferito in Procura a Milano limitandosi a dire che gli atti dell’indagine per manipolazione del mercato con la contro vendita in breve tempo, da parte di DB, di 7 degli 8 miliardi di euro di titoli di Stato italiani che all’inizio del 2011 aveva in portafoglio sono stati trasmessi «circa 15 o 20 giorni fa».
L’indagine originariamente era stata avviata dal pm tranese Michele Ruggiero e dalla Gdf di Bari e aveva portato a iscrivere nel registro degli indagati l’istituto di credito tedesco, in qualità di ente, con l’ex presidente Josef Ackermann, gli ex co-amministratori delegati Anshuman Jain e Jrgen Fitschen, l’ex capo dell’ufficio rischi Hugo Banziger, e Stefan Krause, ex direttore finanziario ed ex membro del board.

Secondo la ricostruzione del pm di Trani, che lo scorso settembre ha notificato agli indagati l’avviso di conclusione dell’indagine in vista della richiesta di rinvio a giudizio, quella «massiccia» vendita di titoli di Stato italiani sarebbe stata compiuta 'over the counter' - senza che fosse divulgata al mercato finanziario regolamentato - e violando la normativa in vigore con «condotte artificiose, a carattere informativo ed operativo, da ritenere manipolative del mercato». L’operazione, che avrebbe avuto lo scopo di «una repentina riduzione dell’esposizione al rischio Italia da parte di DB» avrebbe causato, per l’accusa, un’alterazione del valore dei titoli stessi. L’istituto di credito ha sempre affermato che l’indagine è «priva di fondamento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione