Cerca

Mercoledì 24 Gennaio 2018 | 06:44

operazione polstrada

Escavatori rubati
12 indagati a Taranto

escavatori

TARANTO - La Squadra di polizia giudiziaria della Sezione Polizia stradale di Taranto ha scoperto una presunta organizzazione dedita a furti e ricettazione di macchine operatrici e pale meccaniche che venivano successivamente trasferite nell’hinterland casertano e in alcuni casi sul mercato estero. Dodici le persone denunciate, sei delle quali rispondono anche di associazione per delinquere. Lo stesso sodalizio si sarebbe reso responsabile anche di furti in abitazione, detenzione illegale di armi da fuoco, detenzione di banconote contraffatte, simulazione di reato, danneggiamento e omessa custodia di beni sottoposti a sequestro.
Secondo quanto appurato dalla Polstrada, dopo che erano stati messi a segno i furti nelle campagne di Taranto e Bari e il trasferimento nel Casertano, entravano in azione due degli indagati, che, utilizzando la loro attività di compravendita di macchine operatrici, le riciclavano destinandole prevalentemente in Grecia. Nell’arco temporale intercorso tra l’inizio delle indagini e le perquisizioni domiciliari, sono stati documentati, grazie all’ausilio di intercettazioni telefoniche e ambientali, ulteriori reati. Si è accertato inoltre che il gruppo criminoso era in possesso anche di oggetti di elevato valore commerciale, come orologi in oro trafugati da abitazioni. L’attività criminale, secondo l’accusa, avrebbe permesso all’organizzazione di incamerare illeciti profitti per un importo di circa 500mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione