Cerca

Domenica 17 Dicembre 2017 | 18:49

dato uil

Lecce, diminuisce Cig
ma la crisi economica resta

cassa integrazione

LECCE - Cassa integrazione ancora in calo in provincia di Lecce. Nei primi 10 mesi dell’anno, si registra una flessione del -12,8% rispetto allo stesso periodo del 2016: da 2.263.039 si è passati a 1.974.320 ore. Evidente, tuttavia, è il balzo della cassa ordinaria e in deroga, rispettivamente +35,4% e +334,4% rispetto all’anno scorso. È quanto emerge dal Rapporto elaborato dalla Uil - Servizio Politiche del Lavoro, su dati Inps.
Nel dettaglio, da gennaio a ottobre, sono state autorizzate 993.063 ore di cig ordinaria, 783.690 di cig straordinaria e 257.563 di cig in deroga. Il calo registrato in provincia di Lecce (-12,8%) è in controtendenza rispetto a quanto accade in quasi tutte le altre province pugliesi: Bari segna un aumento del +10,2%, Brindisi +78,4, Taranto +46, mentre Foggia -13,6. Anche il trend regionale è in aumento del +25,2%.
«Pur se in presenza di sbalzi, l’andamento complessivo della richiesta di cassa integrazione nel 2017 conferma una diminuzione di ore rispetto allo scorso anno, ma siamo ancora distanti dai livelli del 2007, ultimo anno pre crisi», commenta il segretario generale della Uil di Lecce, Salvatore Giannetto.
«Questa nuova composizione delle ore autorizzate - osserva - ci fa capire come si stia manifestando una selezione tra le imprese, soprattutto quelle più grandi, tra le quali convivono eccellenze ed aziende con dolorosi processi di ristrutturazione in corso. Anche se complessivamente la cig cala - osserva Giannetto - dunque, l’andamento di cig ordinaria e in deroga rivela che le crisi aziendali sono tutt'altro che alle spalle».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione