Cerca

Martedì 12 Dicembre 2017 | 23:03

wind day

Giorno dei diritti per l'infanzia
«A Taranto scuole chiuse
per le polveri sottili»

«Nel giorno dei diritti  per l'infanziaa Taranto scuole chiuse per i wind day»

TARANTO - «Oggi 20 novembre, giornata dei diritti dell’infanzia, scuole chiuse nel quartiere Tamburi di Taranto a causa del wind day». Un paradosso per i bambini del rione a ridosso dell’Ilva, segnalato sulla sua bacheca Facebook da Elisabetta Scalera, dirigente scolastico degli istituti Vico-Deledda, che invita a condividere il messaggio.
Su ordinanza del sindaco Rinaldo Melucci, le scuole della zona restano chiuse nei wind days, giorni di forte vento da nord-ovest che riversa sul quartiere le polveri provenienti dai parchi minerali dello stabilimento siderurgico. L’Asl suggerisce un decalogo di comportamenti da osservare e il traffico viene limitato. L’indignazione monta sui social, dove in molti commentano che la chiusura delle scuole a scopo precauzionale diventa una limitazione del diritto all’istruzione, ancor di più in coincidenza con la Giornata dei diritti dell’infanzia, tanto che oggi i bambini non potranno partecipare alla tradizionale marcia.

GENITORI: QUI SEMPRE SOFFERENZA - «Sono una ragazzina di 13 anni e frequento la scuola Gabelli nel quartiere Tamburi io e la mia classe avremmo dovuto partecipare a una marcia per i diritti dei ragazzi ma causa wind day non possiamo andarci. Non è giusto che noi dei Tamburi dobbiamo sempre essere emarginati da tutto e non abbiamo il diritto di partecipare a degli eventi». E’ un passo di una riflessione di una ragazzina del rione di Taranto, che protesta per la chiusura delle scuole del quartiere a ridosso dell’Ilva, per ordinanza sindacale, a causa dei wind day che riversano sul quartiere le polveri minerali del Siderurgico. Situazione che si è ripetuta anche oggi, in occasione della Giornata mondiale sui diritti dell’infanzia.
Lo scritto della 13enne è inserito in una lettera aperta che il Comitato dei Genitori tarantini rivolge al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. «Eppure - aggiunge la ragazzina - lo scopo di quella marcia è proprio far valere il diritto che noi adolescenti abbiamo noi vogliamo una risposta possiamo vivere o no?».

La semplicità «con cui questa adolescente - sottolineano i Genitori Tarantini - illustra la terribile realtà cui è costretta una intera comunità della 'democratica' repubblica italiana è totalmente disarmante. Cosa si può rispondere a questo grido di giustizia? Cosa possiamo insegnare ai nostri giovani? Quale esempio propone il comportamento cieco e sordo di chi governa la cosa pubblica?».
I wind days «scaricano sulla città - aggiungono - tonnellate di polvere di ferro, accompagnate dagli altri immancabili inquinanti. Non c'è copertura che tenga: quelle montagne di minerale devono sparire insieme all’intera area industriale. Taranto ha già pagato in misura insopportabile il tributo alla "produzione strategica per la nazione". E’ arrivato il momento di restituire, bonificata, quella parte di territorio alla comunità tarantina. Senza più appellarsi come bambini alla ragione di Stato». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione