Domenica 22 Luglio 2018 | 14:56

Taranto

Traffico di migranti
ordinanza in comunità
per 17enne ghanese

polizia

TARANTO - Gli agenti della Squadra Mobile di Taranto hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del Collocamento in Comunità emessa dal Gip presso il Tribunale per i Minorenni di Taranto nei confronti di un 17enne originario del Ghana, gravemente indiziato di far parte di un’associazione per delinquere transnazionale finalizzata al favoreggiamento aggravato dell’immigrazione clandestina in Italia. L’organizzazione avrebbe promosso e allestito in Niger, Libia ed Italia, sino al maggio scorso insieme ad altre persone al momento ignote, il trasporto di stranieri nel territorio italiano, tra cui minorenni, esponendoli a pericolo per la vita e l’incolumità e sottoponendoli a trattamenti inumani e degradanti. Le indagini sono partite dopo lo sbarco di 952 migranti di origine nordafricana arrivati nel porto di Taranto lo scorso 22 maggio a bordo della nave della Guardia costiera 'Diciottì.

Nei giorni successivi allo sbarco, i poliziotti in servizio all’hotspot di Taranto sono intervenuti per sedare una lite scoppiata tra alcuni giovani stranieri, fra i quali l’indagato, accusato dagli altri di essere uno dei carcerieri operanti in un ghetto di Sabah, in Libia, all’interno di una sorta di 'prigionè nella quale erano stati tutti rinchiusi e sottoposti a minacce e percosse, e dai cui ci si poteva allontanare solo dopo aver versato del denaro.

Gli stranieri coinvolti nella lite, nel corso delle testimonianze rese ai poliziotti, hanno riferito di essere stati costretti a vivere per giorni ammassati in una stanza di pochi metri quadri, guardati a vista da carcerieri armati. Il diciassettenne ghanese è stato indicato come nipote di uno dei capi della prigione e come colui che intimava ai migranti di telefonare ai propri parenti, per poi bastonarli mentre erano al telefono, in modo tale da far ascoltare ai loro stessi famigliari quanto subivano per convincerli a mandare il denaro necessario alla traversata verso Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

 
Foggia, a fuoco discarica sequestrataIl sindaco: tenere le finestre chiuse

Foggia, a fuoco discarica sequestrata. Il sindaco: tenete le finestre chiuse

 
Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

 
Foggia, primo stop dal ParmaGrassadonia: difficoltà previste

Foggia, primo stop dal Parma
Grassadonia: difficoltà previste

 
Lecce, incendio fa strage di animaliin allevamento: morte oltre 400 bestie

Lecce, incendio fa strage di animali
in allevamento: morte oltre 400 bestie

 
Maturità, Puglia prima per 100 e lodeDa noi 1.066 superbravi su 6mila in Italia

Maturità, Puglia prima per 100 e lode: 1.066 superbravi su 6mila in Italia

 
Marchionne, le 3 viste a MelfiSindacati divisi sul giudizio

Marchionne, le 3 viste a Melfi
Sindacati divisi sul giudizio
Maldarizzi: conosceva a memoria i prezzi dei concorrenti

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS