Domenica 22 Luglio 2018 | 18:45

Quella iniziativa di solidarietà della Gazzetta

Sarajevo, a 22 anni
dalla guerra un progetto
per ricordare nostro legame

Sarajevo, a 22 anni dalla guerraun progetto per ricordare il legametra la Puglia e i bambini bosniaci

Con l'ambasciatore Nicola Minasi a Sarajevo

SARAJEVO - Raccontare, 22 anni dopo, quella guerra che incendiò i Balcani: è questo l'obiettivo a cui mira l'iniziativa di un giornalista italiano, Franco Giuliano, inviato nel 1995 a Sarajevo dal suo giornale, "La Gazzetta del Mezzogiorno".

Tornato in questi giorni nella capitale bosniaca, il giornalista della Gazzetta del Mezzoigorno ha incontrato gli stessi protagonisti che, allora, raccontarono quella tragedia, tra i quali il cardinale Vinco Pulic ed il vescovo Pero Sudar. Quest'ultimo nei giorni dell'assedio della città simbolo, affidó a La Gazzetta del Mezzogiorno un appello ricolto al presidente degli Stati Uniti Bill Clinton per chiedere viveri per gli abitanti della sua città ridotti alla fame. Un grido di aiuto che fu ripreso da tutta la stampa internazionale e che forse contribuì a mobilitare le coscienze e la politica: nei mesi successivi Sarajevo sotto le bombe riuscì ad ottenere un varco per l'arrivo degli aiuti umanitari. Anche dall'Italia e dalla Puglia. GUARDA IL VIDEO 

Obiettivo dell'iniziativa, 22 anni dopo è quello di rintracciare i testimoni che durante quella tragedia dai banchi della scuola Cattolica di Sarajevo, scrissero lettere-appello ai loro coetanei italiani: ex-bambini, che a quel tempo avevano tra i 7 e i 12 anni, furono i destinatari di iniziative umanitarie e di solidarietà da parte degli italiani ed, in particolare, dei pugliesi. Dall’Italia, in tanti si strinsero intorno ai bimbi bosnaici e serbi, con messaggi e doni che il giornale pugliese distribuì con l'aiuto del Contingente italiano, guidato in quegli anni dal generale Agostino Pedone (anch'egli pugliese). Tutto arrivò (con un aereo militare , un enorme C130, messo a disposizione dall'Aeronautica militare) ai bimbi del centro Cattolico e ai bambini del quartiere serbo di Vogosha, alla periferia della città, simbolo di quel conflitto che coinvolse l'Europa ed il mondo intero.

Oggi, attraverso quelle lettere, grazie all'aiuto del Centro scolastico Cattolico di Sarajevo e alla Ambasciata Italiana a Sarajevo si vuole rintracciare quegli ex-bambini per scoprire come è cambiata la loro vita e scavare nella loro memoria per raccontare le loro storie, dopo un’infanzia ferita dalle bombe. Storie che diventeranno un libro, pubblicato a Sarajevo, tradotto, oltre che in italiano, in Croato e Inglese e che conterrà i ricordi e le interviste - oltre che del Cardinale Pulic, del vescovo Sudar, del direttore della scuola Cattolica bosniaca (con oltre 1.600 studenti: dalle elementari al liceo Classico e alla scuola per infermieri) di suor Elizabetta Cocic, la religiosa che aiutò il nostro giornale a costruire in quel delicato momento storico quel ponte tra l'Italia, la Puglia e Sarajevo, dell'ambasciatore italiano nella capitale bosniaca Nicola Minasi - soprattutto di quei ex bambini che oggi a 22 anni di distanza rappresentano il futuro di questo Paese nel quale convivono in insieme croati, serbi, musulmani bosniaci.

La Bosnia con la sua storia e la sua cultura multietnica, oggi - a distanza di oltre due decenni da quell'evento che fece 11mila vittime - può diventare un interlocutore privilegiato dell'Italia e dell'Europa. A questo proposito oltre al tentativo di verificare la possibilità di un collegamento aereo diretto tra la Puglia e Sarajevo, l'iniziativa mira anche ad avviare dei gemellaggi tra alcune scuole pugliesi (di Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi) e quelle di Sarajevo, a cominciare con il Centro Cattolico dove una enorme parete ospita i nomi di tutti i donatori che contribuirono alla sopravvivenza di quella scuola, tra i quali anche «La Gazzetta del Mezzogiorno».

Ecco il comunicato pubblicatoSUL SITO UFFICIALE DELL'AMBASCIATA D'ITALIA A SARAJEVO

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Tap, Emiliano: presi in giro pugliesi che hanno votato M5s

Tap, Emiliano: presi in giro
pugliesi che hanno votato M5s

 
Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

 
Foggia, a fuoco discarica sequestrataIl sindaco: tenere le finestre chiuse

Foggia, a fuoco discarica sequestrata. Il sindaco: tenete le finestre chiuse

 
Scandalo sanita in BasilicataPittella resta, giunta con poteri

Scandalo sanita in Basilicata
Pittella resta, giunta con poteri

 
Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

Il Lecce si gode un super Falco: primo gol per mister Liverani

 
Foggia, primo stop dal ParmaGrassadonia: difficoltà previste

Foggia, primo stop dal Parma
Grassadonia: difficoltà previste

 
Lecce, incendio fa strage di animaliin allevamento: morte oltre 400 bestie

Lecce, incendio fa strage di animali in allevamento: morte oltre 400 bestie

 
Maturità, Puglia prima per 100 e lodeDa noi 1.066 superbravi su 6mila in Italia

Maturità, Puglia prima per 100 e lode: 1.066 superbravi su 6mila in Italia

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS