Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 22:50

nella pineta di Torre Uluzzo, a Portoselvaggio

Morto lo studente
scomparso a Nardò
Coltello accanto corpo

Morto lo studente  scomparso a Nardò Coltello accanto corpo

NARDÒ, (LECCE) - E’ stato trovato morto nella pineta di Torre Uluzzo, a Portoselvaggio, in territorio di Nardò (Lecce) lo studente universitario di 26 anni, Daniele Battistini, scomparso domenica scorsa, nel Salento. Accanto a lui è stato rinvenuto un coltello che ha una lama compatibile con delle ferite riscontrate sul corpo. Non è ancora chiara la dinamica dell’ accaduto e gli investigatori non escludono alcuna ipotesi, anche se si fa strada l’ipotesi del suicidio.

Ne sembrano convinti sia il medico legale sia gli investigatori dopo aver effettuato i rilievi sul luogo del ritrovamento del corpo da parte di una pattuglia di polizia e della Croce Rossa durante le ricerche in corso da qualche giorno. Sul petto del giovane, riverso supino per terra, è stato rinvenuto un coltello da cucina conficcato all’altezza del cuore. La mano destra era insanguinata, lasciando presupporre che con la stessa si sia inferto il fendente. Sul corpo, da un primo esame esterno, non sono stati trovate altre ferite, né segni di colluttazione. Anche la scena attorno al luogo del ritrovamento non desterebbe sospetti. il magistrato inquirente Maria Vallefuoco ha comunque disposto l'autopsia. In queste ore i carabinieri stanno verificando l'eventuale presenza di qualche biglietto o scritto lasciato dalla vittima.

Il giovane, iscritto all’ultimo anno in Scienze infermieristiche all’ateneo di Lecce, domenica era uscito di casa dicendo di andare a fare una passeggiata portandosi il cellulare e uno zaino. I familiari martedì scorso avevano lanciato un appello alla trasmissione «Chi l’ha visto?» di Raitre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione