Cerca

Sabato 25 Novembre 2017 | 06:49

Bari

Cantarella apre con Ulisse
lezioni storia al Petruzzelli

Teatro Petruzzelli, corso Cavour 12 Bari

Il teatro Petruzzelli di Bari

BARI - Con la docente Eva Cantarella che parlerà sul tema 'La libertà. Ulisse e i suoi compagnì si inaugura domenica 8 ottobre, nel teatro Petruzzelli, la seconda edizione delle 'Lezioni di storià il cui tema quest’anno è il 'Viaggiò. Dopo il successo della scorsa stagione, i 950 abbonamenti disponibili sono stati letteralmente 'bruciatì in una sola settimana di prevendita. La domenica mattina, fino al 17 dicembre, verranno ripercorsi i grandi viaggi che hanno segnato il corso della storia collettiva e personale o che hanno prodotto uno scambio culturale tra popolazioni diverse e ampliato lo spazio del mondo conosciuto. Anche quest’anno tutte le lezioni saranno introdotte dalla giornalista Annamaria Minunno.

L’Odissea è il primo racconto di viaggio della letteratura occidentale. «Ma è davvero un racconto di viaggio, quello di Ulisse? - si spiega in una nota degli organizzatori - È possibile, ha senso cercare di ricostruire una geografia dei luoghi omerici? Il viaggio verso Itaca non è, piuttosto, la metafora di un percorso durante il quale il suo protagonista, per quanto forte sia la volontà divina, sente, se vuole, di poter scegliere la sua strada? La coscienza della propria autonomia morale non è un dato innato». L’Odissea, letta in quest’ottica, racconta un viaggio fondamentale nella storia dell’umanità, che conduce alla consapevolezza del libero arbitrio e alla nascita dell’etica della responsabilità. Eva Cantarella ha insegnato Istituzioni di Diritto romano e Diritto greco antico all’università degli Studi di Milano

Il ciclo 'Lezioni di Storia - Il Viaggiò, ideato dagli Editori Laterza, è organizzato in collaborazione con la Fondazione lirico sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari, con il patrocinio del Comune di Bari - Assessorato alle Culture, e della Regione Puglia, Assessorato all’Industria Turistica e Culturale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione