Cerca

Venerdì 15 Dicembre 2017 | 22:27

La studentessa di Specchia

L'autopsia sul corpo di Noemi
prima picchiata, poi accoltellata

Noemi, 16 anni: da sei giorniè scomparsa nel nulla

BARI - E’ stata prima picchiata, probabilmente a mani nude, e poi accoltellata alla testa e al collo: emergono particolari sempre più raccapriccianti sulla fine di Noemi Durini, la sedicenne di Specchia uccisa dal suo fidanzato 17enne che ha confessato l’omicidio, compiuto lo stesso giorno della scomparsa da casa della ragazza, il 3 settembre. Dopo il delitto, il ragazzo nascose il cadavere sotto un cumulo di pietre.

Gli ultimi dettagli sull'omicidio vengono dall’autopsia eseguita martedì scorso dal medico legale nominato dalla Procura, Roberto Vaglio, e dal consulente della famiglia della vittima, il medico legale barese Francesco Introna. I medici legali hanno riscontrato sul cadavere della sedicenne «lesioni contusive multiple da picchiamento al capo e agli arti e lesioni da arma bianca al capo e collo». Ieri era emerso che nel cuoio capelluto della sedicenne era stata trovata la punta del coltello utilizzato; è confermato, invece, che sul corpo della ragazzina non ci sono segni di colpi di pietra.

L’omicida, attualmente detenuto in un Istituto penale per minorenni vicino Cagliari con l’accusa di omicidio premeditato, quando aveva confessato il delitto, il 13 settembre scorso, aveva anche disegnato su un foglio di carta il tipo di coltello usato. Un’arma con lama curva, più larga alla base ma con l'estremità ben appuntita, meno lunga del palmo di una mano, col manico di plastica invece di lunghezza maggiore. Un tipico coltello da cucina, in sostanza, di quelli usati per sbucciare frutta e ortaggi. Il disegno è tra gli atti acquisiti dagli investigatori. In quella stessa circostanza il 17enne aveva sostenuto di non ricordare dove avesse nascosto il coltello, riferendo che la punta dell’arma si era spezzata nel colpire la fidanzata.

Il 17enne aveva detto agli inquirenti di aver avvolto il coltello nella maglietta che indossava e di averlo occultato in una buca fatta nella terra in una zona di campagna in agro di Castrignano del Capo (Lecce), ma non vicino al luogo in cui aveva ucciso Noemi. Ieri, quando era emerso il ritrovamento di una punta del coltello nel cuoio capelluto della ragazzina, il pm inquirente del Tribunale per i minorenni di Lecce, Anna Carbonara, aveva fatto eseguire un’altra perquisizione in casa del ragazzo, alla ricerca dell’arma. Si attende ora che gli ulteriori esiti dell’esame autoptico diano altre certezze sulle modalità dell’omicidio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione